Cabtutela.it
acipocket.it

Gli attacchi di Michele Emiliano a Matteo Renzi ormai non sono più una novità, ma questa volta il governatore pugliese usa parole molto dure nei confronti del premier e lo fa sul tema dell’Ilva: “E’ una scelta strategica nazionale quella di inquinare Taranto. Con l’Ilva ci troviamo di fronte ad un inquinamento di Stato”. Lo ha detto intervenendo oggi a Bari ad un convegno organizzato dalla Federazione italiana autonomie locali e sanità (Fials). “La fabbrica non viene sequestrata dalla magistratura – ha proseguito Emiliano – perché, caso unico nella storia dei Paesi civili occidentali, ci sono dei decreti che impediscono di bloccare una mitragliatrice che spara sulla gente per ragioni di economia nazionale. Io sul punto sono stato cauto, normalmente avrei combinato l’ira di Dio, adesso però capisco che devo gestire una delicatissima partita tra la proposta di decarbonizzazione e le esigenze del governo e dell’economia nazionale, facendo in fretta».\r\n\r\n“Il governo grazie alla nostra mite insistenza – ha aggiunto Emiliano – si sta rendendo conto della necessità di fare queste cose e nel frattempo, visto che siamo stati noi a chiedere ai cittadini di Taranto di sopportare quel genere d’impatto, vorrei delle deroghe sul decreto ministeriale 70 (contenente la definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera, ndr) relativamente a Taranto”. “Quel che arrivo a dire è insomma che se non mi fate fermare la mitragliatrice, fatemi almeno portare i feriti in ospedale, dandomi la possibilità – ha sottolineato Emiliano – di curarli come si deve, senza essere soggetto a limiti”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui