Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

A meno di 24 ore dall’invio delle prime lettere di licenziamento, i sindacati e la Fondazione Petruzzelli sono riusciti a trovare un accordo che dovrebbe salvare almeno 51 posti di lavoro su 74 a rischio. Cgil, Cisl e Uil, infatti, dopo una lunga trattativa che si è conclusa solo oggi sono riusciti ad ottenere la sospensione della procedura di esubero che sarebbe partita domani, alla vigilia di Natale. Secondo l’intesa trovata, 23 dipendenti dovranno andare in cassa integrazione per 12 mesi, gli altri 51 resteranno nell’organico. Ora l’accordo dovrà essere recepito dal consiglio di indirizzo della Fondazione che si riunirà il 27 dicembre, ma dovrebbe trattarsi solo di una formalità.\r\n\r\nIl sindaco di Bari, presidente della Fondazione lirico sinfonica Teatri Petruzzelli di Bari, Antonio Decaro, commenta così “Quando ho assunto nuovamente la carica di presidente della Fondazione Petruzzelli, l’ho fatto sapendo di prendermi la responsabilità di dover gestire la questione degli esuberi del personale della fondazione e oggi sono felice di poter dare a tanti di loro una speranza di futuro. Questo – prosegue – grazie all’attività di riorganizzazione interna, alla razionalizzazione dei servizi e delle spese della Fondazione, all’ampliamento del Fus e ai fondi regionali che dall’anno prossimo ci permetteranno di dare maggiori garanzie ai lavoratori della Fondazione del Teatro Petruzzelli che in questi due anni ha dimostrato di saper diversificare e ampliare la sua offerta e il suo pubblico lavorando per far crescere l’immagine e il lavoro del teatro e della sua struttura. Questo – conclude – è un risultato importante anche dal punto di vista umano, perché quando le istituzioni riescono a salvare posti di lavoro, raggiungono un obiettivo fondamentale per il benessere della comunità”.\r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui