Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

Entrare in un negozio per fare shopping, oppure in un centro ricreativo per trascorrere il tempo libero. Una “normalità” non così scontata per chi è affetto da Alzheimer. Per superare le sfide poste da una forma di demenza sempre più diffusa, ci sono tre mosse con le quali dare scacco alla malattia: piano nazionale demenze; strategie di prevenzione; “Alzheimer Friendly Community”, un progetto che mira a creare “comunità solidali” in grado di migliorare la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie.

Se ne discuterà venerdì 24 febbraio, a partire dalle 9.00, a Tricase (Le), nella sala del Trono del Palazzo Gallone, in piazza G. Pisanelli 1, in occasione del Congresso regionale Puglia e Basilicata dell’Aip, Associazione Italiana di Psicogeriatria (responsabili scientifici prof. Giancarlo Logroscino, Direttore del Centro di Malattie Neurodegenerative dell’Università di Bari presso l’Ospedale “Card. G. Panico” di Tricase dell’Università di Bari e prof Francesco Scapati).
Tre, dunque, i perni sui quali si snoderanno i lavori.
– Piano Nazionale Demenze: Approvato il 30 ottobre 2014, prevede strategie mirate alla promozione e al miglioramento degli interventi sulle demenze. L’obiettivo: far sì che conoscenze, competenze, diagnosi tempestive, assistenza non restino parole vuote, riempendosi, invece, di significato;
– Strategie di prevenzione: La patologia alla base della malattia (deposizione di beta amiloide) inizia decenni prima rispetto al manifestarsi dei sintomi ed è influenzata, oltre che da una predisposizione di tipo genetico, da una serie di fattori ambientali di rischio: capire il prima possibile, per intervenire al meglio;
– Alzheimer Friendly Community: Istituzioni sanitarie e politiche, ma anche ciascun componente di una comunità. Tutti, insomma, possono dare il loro contributo per fare sentire compreso e apprezzato, più forte e sicuro chi è affetto dalla grave forma di demenza. Gli stessi pazienti possono (anzi, devono) contribuire alla vita della stessa comunità.

Alzheimer friendly communitiesInsomma, il meeting punta a mettere a fuoco un approccio innovativo anche sul piano istituzionale e sociale, oltre che prettamente scientifico. Senza dimenticare l’importanza della comunicazione.

In attesa del meeting, giovedì 23 febbraio, alle 18, sempre a Palazzo Gallone il Comune di Tricase in collaborazione con il Centro Malattie Neurodegenerative dell’Università di Bari presso l’Osp. Card. Panico di Tricase, l’Associazione Italiana di Psicogeratria presentano “Comunicare Alzheimer”. L’obiettivo questa volta si sposta sul ruolo che i media hanno nel comunicare informazioni e notizie sulla malattia, dai risultati della ricerca scientifica al sociale fino al racconto di storie individuali di persone o famiglie la cui vita è stravolta dall’Alzheimer. La comunicazione del cinema si confronterà con la comunicazione dei media tradizionali (TV, carta stampata).

Alzheimer friendly communities
Il direttore di Telenorba Vincenzo Magistà intervisterà il sindaco di Tricase Antonio Coppola, il giornalista del Corriere della Sera Michele Farina, la regista Mara Consoli, il presidente dell’A.I.P. Marco Trabucchi. Interverranno: Suor Margherita Bramato Direttore Generale Osp. Card. G. Panico, Salvatore Negro, Assessore Regionale Welfare, Maria Assunta Panico, Assessore politiche sociali Comune di Tricase.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui