Cabtutela.it
acipocket.it

Le date per la fine di lavori, soprattutto se sono imponenti come è il caso del waterfront di San Girolamo, si sa non vengono mai rispettate. Ma il sindaco Antonio Decaro e l’intera squadra sull’apertura della “spiaggia più bella dell’Adriatico”, come ama definirla il primo cittadino, ci hanno puntato e creduto. E ad ogni sopralluogo assicurato che sarebbe stata aperta entro l’estate. Che a giugno i baresi avrebbero potuto godere di un panorama unico. Anzi, nel corso di una giunta territoriale, queste erano state le parole del primo cittadino:

“Vengo una volta alla settimana a San Girolamo e confermo che diventerà una delle più belle spiagge dell’Adriatico. A parte la piazza sul mare e le autorizzazioni dell’Arpa per la sabbia, il resto sta procedendo speditamente, a fine maggio si concluderanno i lavori, ad eccezione della piazza. E questo è un fatto quasi storico che si inizi un lavoro e si finisca quasi il giorno in cui era stato previsto”.

Infatti: un fatto storico. Che neanche in questo caso accadrà. Perchè è vero che la “spiaggia più bella dell’Adriatico” aprirà, forse a fine giugno come si affretta a precisare l’assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso su Facebook, ma comunque sempre a metà.

Cosa è successo?

Per diversi giorni si era registrato un visibile rallentamento, poi all’improvviso da quattro operai sono passati a venti che corrono da una parte all’altra e lavorano dalla mattina alla sera per completare la prima parte del lungomare.

san girolamo san girolamo

“Ad eccezione del ripascimento delle spiagge – scrive Galasso –  per il quale è in corso di completamento il complesso procedimento autorizzativo che porterà al conseguimento della VIA (Valutazione Impatto Ambientale), e dei lavori sulla “piazza sul mare”, per i quali è in corso di perfezionamento una PVT (Perizia Variante Tecnica) per risolvere alcune problematiche, tutto il resto dei lavori non presenta impedimenti di alcun tipo e conseguente possono essere eseguiti speditamente, molto di più di quanto effettuato nelle ultime settimane. Il livello di avanzamento delle opere previsto per inizio maggio è superiore rispetto a quello effettivamente eseguito, e per questo motivo abbiamo esortato tutti ad in maggior impegno per conseguire l’obiettivo di consegnare entro fine giugno, ed aprire al pubblico, un tratto di lungomare riqualificato quanto più lungo possibile”.

Ecco: “Un tratto di lungomare”. La spiaggia aprirà (forse) ma a metà. Dal lido Massimo fino alla piazza (bloccata da dicembre) davanti all’Equatore. Il resto? Si procederà nei prossimi mesi, con la speranza di ultimare tutto entro il 2017.
Gli annunci
Non vogliamo negare assolutamente che si tratti di un lavoraccio, riqualificare due chilometri di costa non è una cosa che si fa in poco tempo. E gli intoppi possono accadere. Ma i residenti di San Girolamo meritano chiarezza. Perchè i disagi sono davvero tanti: dai commercianti che hanno registrato un calo agli stessi cittadini che ogni giorno devono lottare per attraversare l’unica strada del quartiere ormai diventata un caos.
E meritano chiarezza anche i residenti di San Cataldo: qui i lampioni ornamentali dovevano arrivare ad aprile. Siamo a maggio ed è tutto fermo: ci sono solo dei blocchi di marmo con tubi neri che fuoriescono.
Chiarezza e trasparenza. Solo questo.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui