Una lettera inviata al premier Paolo Gentiloni per chiedere di prevedere per la Puglia altri due miliardi di euro nell’ambito della programmazione delle risorse Fsc – 2014 – 2020. A firmarla il presidente della Regione, Michele Emiliano.

Il governatore, nella lunga nota, evidenzia quanto, ad un anno dalla sottoscrizione del patto per la Puglia, gli uffici regionali abbiano effettuato delle ricognizioni evidenziando la necessità di nuovi fondi: le risorse attualmente disponibili per la qualificazione infrastrutturale del territorio ad esempio risultano insufficienti. Da qui le richieste in più ambiti, dalle infrastrutture al sociale.

 

Infrastrutture

  1. Infrastrutture per la mobilità e la sanità territoriale

Esigenze specifiche riguardano interventi per la sicurezza stradale e per il miglioramento dei collegamenti viari che interessano il traffico commerciale ed industriale con l’obiettivo di evitare l’attraversamento dei centri abitati. Ulteriori interventi riguardano il sistema ferroviario regionale con specifico riferimento all’innalzamento dei livelli di sicurezza, così come interventi finalizzati al sistema portuale regionale.

In questo settore è presente l’esigenza di qualificare il livello infrastrutturale della sanità territoriale (distretti territoriali sociosanitari) attraverso investimenti di carattere tecnologico che rafforzano le strategie volte alla riduzione dei tassi di ospedalizzazione ed alla qualificazione delle prestazioni extra ospedaliere messe in campo attualmente unicamente tramite il programma comunitario (la cui dotazione risulta allo stato non sufficiente a valle dell’analisi dei fabbisogni svolta nei mesi scorsi attraverso il coinvolgimento diretto delle ASL).

Ambiente

  1. Interventi per la valorizzazione delle risorse ambientali

Le strategie messe in campo a valere sulla programmazione comunitaria e sul Patto del la Puglia hanno messo in evidenza fabbisogni specifici che non risulta possibile soddisfare attraverso l’attuale dotazione finanziaria; ciò risulta evidente in alcuni ambiti di intervento di particolare rilievo con specifico riferimento al tema della gestione integrata delle risorse idriche, dei rifiuti e bonifiche,  ed alla difesa del suolo.

Ulteriori fabbisogni sono presenti nel campo dell’efficientamento energetico degli edifici pubblici.

Sviluppo economico e produttivo

  1. Competitività dei sistemi produttivi

Sulla base dell’attuale flusso di presentazione agli uffici regionali dei progetti/domande di investimento (a seguito di avvisi pubblici con procedura a sportello), nonché dei risultati già raggiunti ed oggetto di certificazione a valere sul POR Puglia 2007-2013, si prevede di registrare un incremento del 100% rispetto alle richieste attuali nei prossimi 18/24 mesi.

Allo stesso modo occorre implementare le risorse destinate a sostenere gli investimenti in innovazione ed in ricerca e sviluppo a favore delle imprese, coerentemente con la strategia regionale di specializzazione intelligente, inclusi quelli in grado di generare ricadute dirette a medio termine favorendo lo sviluppo di soluzioni innovative rivolte al più ampio sistema territoriale.

In considerazione delle somme destinate a sostenere lo strumento nazionale del credito d’imposta, le risorse finanziarie previste a valere sul POR Puglia FESR-FSE 2014-2020, nonché sul Patto per la Puglia risultano allo stato attuale in esaurimento.

  1. Aree attrezzate per gli insediamenti produttivi

A seguito di verifiche con i soggetti interessati (Consorzi ASI e Aree PIP) sono emersi importanti fabbisogni di qualificazione delle infrastrutture di base delle aree destinate agli insediamenti produttivi (strade, reti ferroviarie, impianti di sorveglianza etc), così come  di ristrutturazione dei processi di organizzazione e gestione dei servizi ambientali a favore delle imprese localizzate (APEA – Aree produttive ecologicamente attrezzate) in misura superiore rispetto alle uniche insufficienti risorse stanziate all’interno del Patto per la Puglia. Gli interventi sarebbero destinate alle aree di insediamento esistenti connotate da qualificate presenze manifatturiere e da richieste di nuovi insediamenti, con livelli di infrastrutturazione già conseguiti superiore all’80%.

Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali

  1. Infrastrutture e servizi per l’attrazione turistica

Il considerevole incremento dei flussi turistici pugliesi nell’ultimo biennio ha comportato un consistente aumento dei fabbisogni di intervento per qualificare e potenziare la dotazione infrastrutturale turistica regionale, con specifico riferimento sia agli interventi in grado di qualificare l’offerta dei centri urbani costieri e di quelli connotati da maggiore vocazione turistica nazionale ed estera (in termini di viabilità, di organizzazione dei servizi commerciali, di riqualificazione e valorizzazione dei principali attrattori turistico-culturali, di valorizzazione dei beni demaniali,  di creazione/riqualificazione di waterfront e attrezzamento con arredo urbano delle fasce costiere più degradate), sia in relazione alla qualificazione delle infrastrutture turistiche specificamente rivolte alla promozione di segmenti a maggiore valore aggiunto (rete della portualità  turistica regionale).  Interventi specifici  devono inoltre essere realizzati per migliorare i servizi di promozione turistica regionale a favore del duplice obiettivo di destagionalizzare i flussi ed elevare la componente estera degli stessi.  A tale riguardo si segnala che tali interventi risultano ad oggi di quasi totale esclusiva del Patto per la Puglia a valere del quale risulta tuttavia uno stanziamento finanziario molto ridotto.

  1. Rigenerazione  urbana

Si tratta in particolare di rafforzare la promozione di interventi per l’efficientamento energetico degli edifici pubblici, per l’aumento della mobilità sostenibile nelle aree urbane e sub urbane,  per la riduzione del rischio idrogeologico e di erosione costiera, per la tutela dell’ambiente e valorizzazione delle risorse culturali e ambientali (interventi per il mantenimento e miglioramento della qualità dei corpi idrici ed il  trattamento delle acque reflue),  per la valorizzazione e fruizione del patrimonio naturale,  per l’inclusione sociale e la riduzione del disagio abitativo, per la diffusione della legalità.

  Occupazione, inclusione sociale e lotta alla povertà, istruzione e formazione

  1. Occupazione, inclusione, istruzione e formazione

A seguito delle strategie attuate nell’ambito del Patto per la Puglia, occorre rafforzare la capacità d’intervento sui strategie già programmate all’interno del Patto che riguardano i seguenti temi: a) occupazione, con specifico riferimento  agli interventi volti a favorire il primo ingresso dei giovani, ed in particolare dei NEET nel mercato del lavoro, così come a sostenere le fasce di occupati a maggiore rischio di perdita dei posti di lavoro;   b) istruzione e formazione rivolti sia alla qualificazione dei percorsi della scuola dell’obbligo, sia nei settori della formazione imprenditoriale, professionale, post diploma e post-laurea;  c) inclusione sociale con specifico riferimento alle politiche attive volte a favorire la presa in carico delle fase più deboli della popolazione contrastando la tendenza all’aumento delle fasce di povertà (assoluta e relativa), così come  alla qualificazione dei servizi a favore della popolazione in forte disagio economico e sociale.

Un’azione specifica riguarda inoltre l’assistenza tecnica volta a rafforzare la capacità d’intervento delle amministrazioni pubbliche interessate all’attuazione del Patto con specifico riferimento alle strategie di capacity building orientate al potenziamento dei processi di gestione, controllo e monitoraggio del Patto.

Il fabbisogno finanziario richiesto

Aree di intervento Dotazione finanziaria

(in mln)

Infrastrutture 
1. Infrastrutture per la mobilità e la sanità territoriale 400
Ambiente
2. Interventi per la valorizzazione delle risorse ambientali 400
Sviluppo economico e produttivo
3. Competitività dei sistemi produttivi 600
4. Aree attrezzate per gli insediamenti produttivi 100
Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali
5. Infrastrutture e servizi per l’attrazione turistica 200
6. Rigenerazione urbana 150
 Occupazione, inclusione sociale e lotta alla povertà, istruzione e formazione
7. Occupazione, inclusione, istruzione e formazione 150
TOTALE 2.000
aqpfacile.it
progettoimmobiliaresrl.com
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here