“Con la decisione dell’Antitrust Ue che ha dato il via libera all’acquisizione dell’Ilva da parte di Arcerlor Mittal, a capo della cordata Am Investco, il quadro ora appare più chiaro. Tra le condizioni poste dalla Ue è prevista la cessione di diversi stabilimenti in Europa, tra cui la Magona di Piombino. Arcelor Mittal deve quindi definire con il possibile nuovo acquirente il piano industriale, affinché siano assicurati certezza occupazionale e futuro produttivo dello stabilimento. I lavoratori di Piombino non possono essere penalizzati dalle scelte dell’Antitrust Ue”.

La Fiom Cgil nazionale avverte, attraverso una nota della segretaria nazionale Francesca Re David, che senza accordi con i sindacati la trattativa per il passaggio della grande acciaieria tarantina e del resto del gruppo nelle mani di Am  Investco non può considerarsi conclusa. E l’accordo tra le parti sembra decisamente.

In merito alla vertenza Ilva, per riattivare il tavolo negoziale occorre una modifica significativa del contratto firmato dai Commissari e Arcelor Mittal, che sia in grado di garantire l’occupazione di tutti i 14 mila lavoratori, più quelli dell’indotto, con il mantenimento dei diritti acquisiti e dei livelli retributivi. Per la Fiom anche il via libera dei lavoratori è condizionato come quello dell’Antitrust: al risanamento ambientale, all’occupazione stabile, al rispetto del salario e dei diritti. Un buon acciaio ha bisogno di un buon lavoro”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here