Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

“Scrivere recensioni false utilizzando un’identità falsa è un crimine secondo la legge italiana”. Lo ha stabilito il tribunale penale di Lecce condannando a 9 anni di carcere e al pagamento di una multa di 8mila euro il proprietario di PromoSalento, per aver venduto pacchetti di recensioni false ai business dell’ospitalità in Italia.

La community di viaggi Tripadvisor ha supportato il procedimento contro PromoSalento costituendosi parte civile e ha condiviso le prove raccolte dal suo team interno di investigazione frodi e fornito il supporto dei suoi consulenti legali italiani. “Crediamo che si tratti di una sentenza storica per internet – commenta in una nota Brad Young, VP, Associate General Counsel di TripAdvisor -. Scrivere recensioni false ha sempre rappresentato una violazione della legge ma questa è la prima volta che, come risultato, il truffatore è stato mandato in prigione. Investiamo molto nella prevenzione delle frodi e siamo efficaci nell’individuarle: dal 2015 abbiamo bloccato le attività di più di 60 aziende di recensioni a pagamento nel mondo. Ma non possiamo fare tutto da soli ed è per questo che desideriamo collaborare con le autorità competenti e le forze dell’ordine per supportare i loro procedimenti penali”.

Secondo le accuse di Tripadvisor l’azienda Promosalento si sarebbe offerta di scrivere recensioni false per i business dell’ospitalità col fine di migliorare il loro profilo su TripAdvisor”. Durante il corso delle indagini “le nostre analisi – spiegano da Tripadvisor –  ci hanno portato ad identificare prima e poi a rimuovere o bloccare oltre 1.000 tentativi di invio di recensioni su TripAdvisor ad opera di PromoSalento relative a centinaia di strutture”. Il team ha inviato una segnalazione a queste strutture e le ha penalizzate declassandole.

Nei casi in cui “abbiamo visto che le attività sospette non cessavano, il passo successivo è stato quello di applicare un bollino rosso, che è un messaggio pubblicato sulla pagina di un business su TripAdvisor che informa i viaggiatori dei tentativi di manipolazione delle recensioni da parte del business”.
Poi il sito ha lavorato con il proprio team di legali per mettere fine alle attività di PromoSalento: “Nei casi più tenaci, lavoriamo con le forze dell’ordine e con le autorità competenti di tutto il mondo per condividere le prove raccolte e invitarli a perseguire questi trasgressori seriali. Nel caso di PromoSalento, la Polizia Postale e delle Comunicazioni italiana stava già investigando sulla loro attività”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui