Cabtutela.it
Aproli

E’ allarme per la carenza di infermieri in Puglia. Nella nostra regione mancano all’appello 3.931 dipendenti, è quanto emerge da un rapporto della Federazione nazionale degli Ordini degli infermieri (Fnopi). Una carenza che pesa soprattutto sugli ospedali di Bari e della sua provincia, dove ne mancano oltre duemila.

Secondo lo studio, sono solamente cinque in tutta Italia le regioni in cui si ha il giusto numero di infermieri in rapporto ai medici. Il resto del Paese presenta carenze che vanno dai 9.755 infermieri in meno della Sicilia ai 616 infermieri in meno nelle Marche, con conseguenze sulla qualità delle cure. Se il rapporto ottimale di cura riconosciuto a livello internazionale sarebbe di almeno 3 infermieri per ogni medico, secondo la mappa Federazione le uniche ad aver raggiunto l’obiettivo sono Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Molise e la Provincia Autonoma di Bolzano.

In Calabria, Puglia, Sicilia, Campania e Sardegna si scende a due o addirittura anche sotto i due infermieri per ogni medico. In termini di unità di personale mancante, si va dai 9.755 infermieri in meno della Sicilia ai 616 in meno nelle Marche, passando per i 4724 mancanti in Lombardia, 4540 in Sardegna e 4024 in Calabria, a seguirli la Puglia e il Lazio, dove servirebbero rispettivamente 3931 e 3013 professionisti in più. In tutto, in Italia sono 53mila infermieri mancant.

Il numero esiguo di infermieri – denuncia l’Ordine – porta a conseguenze gravi: aumento di rischi per i pazienti e per gli stessi operatori, ad esempio. Basti pensare che ogni infermiere dovrebbe assistere al massimo 6 pazienti, ma in Italia ne assiste in media 11 e, nelle Regioni dove la carenza è maggiore, si arriva anche a 13, come in Lombardia, 12 in Puglia e Molise, a 15 come nel Lazio, e addirittura 17, come in Campania. Il Friuli Venezia Giulia, vanta invece il rapporto migliore, pari a 8 pazienti per ogni infermiere.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui