Questa mattina, presso la Basilica di San Nicola, il sindaco Antonio Decaro ha partecipato  alla celebrazione eucaristica, officiata da monsignor Francesco Cacucci, in occasione della ricorrenza di San Sebastiano, patrono della Polizia locale.

La cerimonia è stata preceduta dall’inquadramento dei plotoni della Polizia  locale nella piazza antistante la Basilica, mentre al termine della celebrazione si è svolta la consegna di encomi agli ufficiali e  agli agenti che si sono particolarmente distinti nel corso del servizio.

“Oggi celebriamo San Sebastiano martire – ha detto il sindaco Antonio Decaro –  il santo patrono delle Polizie locali e di tutti gli agenti che quotidianamente presidiano le nostre città prendendosene cura. In questa giornata il mio pensiero va a tutti gli operatori della Polizia locale, donne e uomini, feriti o aggrediti durante il lavoro. A quegli agenti che su strada, giorno e notte, in alcuni casi in situazioni di estremo disagio o pericolo, sono ligi al proprio dovere, senza mai venire meno.

Inevitabile, in questa giornata, ricordare Nicola Marzulli, che ci ha lasciato all’improvviso lo scorso anno. Lui amava questa giornata. Questa era la festa del suo Corpo, del Corpo a cui apparteneva. Questa era la festa del Corpo della Polizia locale che oggi insieme alla città di Bari lo saluta e lo ringrazia. Se abbiamo imparato a conoscerti solo un po’ in questi anni in cui abbiamo lavorato insieme, so che avrai messo in riga anche qualcuno lassù. Così come so che da lassù proteggi la nostra città e tutti noi, a partire dalle donne e gli uomini della Polizia locale che sotto la guida del comandante Michele Palumbo continuano ad accompagnare la nostra città.

Gli agenti della Polizia locale sono il primo simbolo di sicurezza che i cittadini percepiscono, l’autorità più vicina alla loro dimensione territoriale: che si tratti della gestione della viabilità o di maggiore sicurezza nei luoghi pubblici, non importa, i cittadini si rivolgono ai vigili urbani, come sono ancora abituati a chiamarli.

In questi mesi tante sono le situazioni di estremo degrado che la Polizia locale di Bari ha scovato e interrotto. Con l’ausilio della Asl e delle Forze dell’Ordine stiamo anche provando a tracciare un nuovo percorso istituzionale che impedisca a quei proprietari di tornare ad affittare in queste condizioni i propri immobili, perché da sempre l’obiettivo comune che abbiamo condiviso è stato quello di riportare la legalità in quel quartiere, a cominciare dalle piccole cose, dalle multe per le deiezioni canine, ai rifiuti abbandonati in maniera scellerata, ai sigilli sui tuguri.

Per questo, e per tanti altri motivi, è giusto che il Corpo della Polizia locale abbia i riconoscimenti che gli spettano oltre alle garanzie necessarie a salvaguardare le tantissime professionalità che vi operano.  Riconoscimenti che in sede ANCI chiediamo a Governo e Parlamento, senza demordere”.

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

2 COMMENTI

  1. Leggo “inquadramento dei plotoni”, ma i vigili sono diventati all’improvviso un corpo militare? Perché questa scelta? Solo coreografia o altro?

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here