Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

I terreni incolti della città metropolitana di Bari saranno affidati ai ragazzi a rischio. Il progetto “AgriCultura” è partito da un censimento di beni e terreni disponibili da valorizzare a fini sociali. Caratteristica comune a molte realtà territoriali dell’area metropolitana, infatti, è una significativa disponibilità di risorse, materiali e immateriali, in stato di abbandono o degrado. Nello specifico terreni e strutture pubbliche e private non utilizzate o sottoutilizzate a fronte di importanti presenze giovanili, singole e associate, anche altamente qualificate. Per tale ragione, la Città metropolitana di Bari, in partenariato con il CIHEAM Bari e il Teatro Pubblico Pugliese, ha ritenuto opportuno predisporre e condividere una proposta progettuale che abbia come finalità il riutilizzo sociale dei terreni disponibili attraverso percorsi virtuosi di apprendimento e valorizzazione delle capacità giovanili, con l’obiettivo di favorire l’inserimento sociale e lavorativo mediante lo sviluppo di nuove imprese (start up sociali) e/o l’inserimento in imprese senior di giovani in stato di fragilità. I destinatari del progetto saranno giovani tra i 16 e i 24 anni usciti anticipatamente dal percorso scolastico e a rischio devianza sociale, in quanto esclusi dal lavoro, disoccupati, sottoccupati, NEET, appartenenti o fuoriusciti dal circuito penale.

A giugno 2018 l’estensione dei terreni censiti grazie alla collaborazione dei Comuni dell’area metropolitana era pari a circa 68,28 ettari, relativi solo alla proprietà pubblica di 17 Comuni su 41. Grazie all’attivazione del progetto sarà possibile completare la mappatura su tutti i 41 Comuni, coinvolgendo e individuando anche altre risorse di natura pubblica e, soprattutto, privata.

L’individuazione dei giovani innovatori avverrà attraverso la pubblicazione di una manifestazione di interesse/concorso di idee relativo ai beni da valorizzare, al fine di raccogliere le istanze soprattutto motivazionali che hanno spinto i giovani a orientarsi verso i percorsi proposti di accompagnamento all’inclusione lavorativa e sociale. Le istanze potranno essere presentate da singoli o, preferibilmente, da team costituiti da più giovani a rischio devianza. Successivamente, i destinatari selezionati saranno accompagnati alla gestione dei terreni attraverso un percorso di accompagnamento e formazione all’auto imprenditorialità. L’importo richiesto per il progetto è di tre milioni di euro.

“Il nostro obiettivo è quello di incrociare i beni del nostro patrimonio pubblico con l’attivismo e il lavoro delle persone  – spiega il sindaco Antonio Decaro -. Sia gli edifici sia i terreni possono rappresentare delle opportunità di lavoro o di espressione per tanti giovani che vogliono mettersi in gioco con le loro idee sul nostro territorio. Partiamo dalla vocazione storica e agricola della nostra area metropolitana per incentivare le nuove generazioni a scommettere sullo sviluppo di nuovi approcci alla produzione e al consumo agroalimentare. Lo facciamo insieme alle università e ai centri di ricerca che possono affiancare i ragazzi che vogliono fare impresa in questo settore. Mettere insieme la terra che lega i 41 Comuni della Città metropolitana di Bari e generare valore attraverso il lavoro significa anche riqualificare il territorio e salvaguardare le nostre colture e la nostra cultura”.

(foto web)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui