Arriva in Consiglio comunale la delibera per sopprimere i passaggi a livello nel territorio di Palese. Il provvedimento in discussione, rispetto agli otto passaggi a livello interessati dal progetto di RFI,  recependo due mozioni provenienti dal Municipio V e dallo stesso Consiglio comunale, propone l’approvazione di tre delle otto opere sostitutive previste, da realizzare nelle immediate vicinanze dei passaggi a livello da sopprimere. Nel dettaglio l’approvazione riguarda le seguenti opere:

Progetto 1 – località Santo Spirito: passaggi a livello ai km 636+227 e 636+892, rispettivamente su viale Caravella e strada Catino: realizzazione di un sottovia carrabile al km 636+364 di collegamento tra viale Caravella e strada rurale Caladoria, con relative rampe di raccordo e una nuova strada di collegamento tra via Napoli e via Lucca; realizzazione di un sottovia carrabile al km 636+970 e relative rampe di raccordo alla viabilità esistente, nonché nuova viabilità di collegamento da realizzare tra la strada Catino e corso Umberto I.

Progetto 2 Località Lamasinata: passaggio a livello al km 644+714 della linea Foggia – Bari su via Renato Scionti: realizzazione di un viadotto al km 644+875 parallelamente al canale Lamasinata di collegamento a sud con viale Europa e a nord con via Napoli. Il progetto comprende anche la sistemazione di un tratto di viale Europa con la realizzazione di due rotatorie alle estremità.

Si tratta di interventi necessari per collegare il territorio separato dai binari non solo dal punto di vista carrabile ma anche dal punto di vista pedonale e ciclabile. La delibera prevede che i progetti relativi ai restanti cinque passaggi a livello, con le opere sostitutive, vengano esaminati in base alla progettualità a cura di RFI sulla variante ferroviaria: analogamente a quanto in corso sulla tratta ferroviaria a sud (cantiere cosiddetto del collo d’oca), anche a nord è infatti previsto un nuovo tracciato ferroviario con un percorso più interno.

“Alla luce del primo studio di prefattibilità redatto, e a seguito del prosieguo della progettazione già finanziata con delibera CIPE dello scorso 24 luglio 2019 e attualmente in corso – dichiara l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso -, valuteremo le future ripercussioni sul tessuto stradale nonché gli effetti delle prime tre opere sostitutive eseguite. Su quella base sarà possibile discutere delle dismissioni successive dei restanti passaggi a livello. Il nostro obiettivo è quello di mantenere l’attuale linea del ferro per garantire un sistema di trasporto pubblico locale particolarmente gradito, deviando l’alta capacità lungo il nuovo itinerario in variante, così da allontanare il fascio di binari dall’abitato, stante anche l’elevato numero di convogli che attraversano quotidianamente quel territorio”.

“Sento di ringraziare il Consiglio comunale per aver recepito nella sua totalità l’ordine del giorno che è stato approvato dal Consiglio municipale e che riguarda uno storico, annoso problema per il territorio – commenta il presidente del Municipio V Vincenzo Brandi -. L’auspicio è che RFI comprenda le esigenze del nostro territorio e si comporti di conseguenza. Ad ogni modo l’amministrazione comunale e il Municipio V monitoreranno passo dopo passo le attività che saranno poste in essere, a tutela del pieno interesse dei residenti”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here