Cabtutela.it

Ancora uno sversamento in mare all’altezza di largo Adua, a Bari. A segnalare la presenza in acqua di una sostanza non identificata sono stati i residenti riuniti nel comitato cittadino “Salvaguardia zona Umberita”: dopo la denuncia, intorno alle 15 e 20, è intervenuta la Capitaneria di porto per svolgere gli accertamenti (in foto lo sversamento della settimana scorsa).

Non è la prima segnalazione, già nei giorni scorsi i residenti hanno fotografato l’anomala chiazza scura in mare. Non sono ancora accertate le cause, Aqp – interpellata da Borderline24 – ha assicurato che non si tratta di sversamenti fognari.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

2 COMMENTI

  1. Guardando quel tratto di lungomare dal sotto costa è facilissimo identificare il buco dello scarico dal quale fuoriescono i liquami.
    Non è l’unico e non è affatto difficile con le moderne tecnologie (che l’Acquedotto possiede) capire dove porta. Basta solo volerlo.

  2. Tramite dei coloranti la Capitaneria ha rapidamente accertato che i fanghi provenivano dal cantiere del teatro Margherita, dove venivano immessi nelle acque bianche.
    Si deduce quindi che le acque bianche del teatro Margherita (e non solo in zona) defluiscono in mare. Si tratta di edifici pubblici.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui