Cabtutela.it
revolution-academy.it

La manifestazione “im… prese in giro”, organizzata questa mattina (27 maggio) a Bari dal Movimento Impresa per protestare contro l’assenza di misure governative a tutela dei ristoratori e imprenditori pugliesi, si è conclusa con la consegna di una lettera diretta al governatore Michele Emiliano e l’incontro con l’assessore al turismo, Loredana Capone.

Durante i colloqui, è arrivato l’annuncio di poter ottenere prestiti fino a 2 milioni di euro, fino al 30% a fondo perduto con garanzia della Regione. “Le imprese che abbiamo ascoltato – commenta Capone (video in basso) – chiedono interventi veloci da parte del governo innanzitutto perché non è ancora arrivata la cassa integrazione in deroga, alla quale avevano avuto accesso i dipendenti. E non è ancora purtroppo, definito da parte delle banche una serie di istanze per i mutui”.

“Noi come regione abbiamo assicurato il nostro sostegno, il 4 giugno partiranno i bandi del microprestito del titolo secondo circolante per il turismo. Partiranno sostanzialmente quei bandi che alla manovra che abbiamo approvato ieri di 750 milioni di euro ha assicurato a queste categorie. Ma parte anche una nostra continua promozione della Puglia. Si tratta di attività che insieme agli operatori, abbiamo ritenuto che il turismo della Puglia fosse un asset fondamentale dal punto di vista economico, infatti sono cresciuti i turisti stranieri e sono cresciuti il numero dei visitatori dei nostri itinerari culturali”.

“Oggi è fondamentale ripartire ma in sicurezza, perciò chiediamo a tutti di rispettare le regole. Ovviamente all’interno dei locali ed anche fuori dai locali, da questo periodo dipenderà il rilancio successivo. Cosi come chiediamo a tutti di poter continuare ad investire nella Puglia e nella sua capacità di essere attrattiva come regione sicura che accoglie e interviene a sostegno degli operatori”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui