Cabtutela.it
PUBBLICITÀ ELETTORALE
micheleemiliano.it
legapugliaonline.it

C’è chi rinuncerà ad andare in vacanza, altri saranno obbligati a restare in casa al rientro dalle ferie. La decisione del presidente Michele Emiliano spacca in due l’estate dei pugliesi: ieri sera a causa dell’impennata di contagi, il governatore ha annunciato l’obbligo di quarantena di 14 giorni per i residenti in Puglia che rientrano da Grecia, Malta e Spagna si aggiunge all’obbligo di isolamento domiciliare già previsto dalle leggi nazionali per numerosi Paesi esteri.
Preoccupano i casi dei viaggiatori di rientro positivi al Covid, in gran parte dei casi giovanissimi alle prese con il viaggio post Maturità. In molti protestano sui social network: “C’è chi non può permettersi a priori 14 giorni di isolamento – scrive un cittadino -. Ryanair non rimborsa i biglietti già acquistati perché si può viaggiare a Malta, non è vietato, che si fa? Almeno aiutate i passeggeri a recuperare i biglietti o trovare una soluzione che vada bene per tutti. Così non solo si perde le vacanze, ma pure i soldi. Io sono pugliese, ho acquistato la vacanza quando Malta era il posto più sicuro, e pretendo di essere tutelata dalla mia regione visto che è stata emessa un’ordinanza”.
Nel frattempo però fa discutere il via libera alle discoteche ed eventi serali all’aperto. “Questa notte all’Aranceto di Rosa Marina continuava la farsa con migliaia di persone ammassate senza nessuna restrizione e controllo”, racconta un residente che posta una storia Instagram. Stesso scenario anche in altre zone della Puglia, dalla zona di Bosco verde in contrada Pilone (Brindisi), alla discoteca Praja di Gallipoli.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
PUBBLICITÀ ELETTORALE
micheleemiliano.it
legapugliaonline.it
ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui