Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

I primi 54 nuovi alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica realizzati a Japigia, in zona Sant’Anna da Arca Puglia, sono stati consegnati questo pomeriggio, alla presenza del sindaco di Bari, Antonio Decaro, del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, dell’amministratore unico di Arca Puglia Giuseppe Zichella, dell’assessore regionale all’Urbanistica e alle Politiche abitative Alfonso Pisicchio e dell’assessore al Patrimonio ed ERP, Vito Lacoppola. Si tratta di un totale di 123 alloggi di edilizia sovvenzionata, situati in 12 edifici costruiti in linea ed eseguiti nel rispetto delle linee guida della legge 13/89, relativa all’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici.

Sei degli alloggi, in ottemperanza all’art. 3 del D.M. 236/89, che prevede la destinazione del 5% degli alloggi di nuova costruzione alle persone con disabilità motoria, sono completamente accessibili. La superficie complessiva dell’intervento si estende su circa 15.900 metri quadrati, di cui 8.220 di spazi condominiali interni destinati a viabilità ciclabile e pedonale e aree a verde con aiuole, piante e alberi, servite da un impianto di irrigazione, con panchine prefabbricate in materiale ecosostenibile, un campo da bocce e un’area ludica per i più piccoli.

Quanto agli alloggi, 23 hanno una superficie compresa tra 45 e 70 metri quadrati, 34 tra 70 e 80 mq e 66 tra 80 e 90 mq e sono tutti dotati di impianto di riscaldamento centralizzato, con sistemi di contabilizzazione del calore e corpi radianti a pavimento. Gli edifici dispongono di un impianto a pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria pari minimo all’80% del fabbisogno di ogni fabbricato e di un impianto fotovoltaico per la produzione dell’energia elettrica delle utenze condominiali. di L’impianto di illuminazione esterna è composto da corpi illuminanti con pali o sbracci in acciaio.

“Questa è una giornata importante per tante famiglie e tante persone della nostra città – è stato il commento del sindaco Antonio Decaro – Mi ha emozionato incontrare, qualche minuto fa, un uomo che negli scorsi mesi dormiva nelle strutture di accoglienza comunale e che da oggi ha finalmente un tetto sotto il quale dormire. Oggi abbiamo iniziato a consegnare i nuovi gli alloggi che consentiranno a tante famiglie, anche con bambini piccoli, di avere finalmente una casa accogliente, realizzata secondo gli standard più moderni – ha proseguito Decaro – Un passo decisivo per la nostra comunità, per decine di nuclei familiari in difficoltà che d’ora in avanti non dovranno più preoccuparsi di uno dei problemi che condizionano maggiormente la loro vita quotidiana”.

Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore comunale al Patrimonio ed Edilizia Residenziale Pubblica, Vito Lacoppola, che ha dichiarato: “Oggi inauguriamo il comprensorio ARCA di Sant’Anna: una risposta forte al problema dell’emergenza abitativa che ancora attanaglia la nostra città in un momento particolarmente difficile in cui la crisi socio-economica post Covid continua a dispiegare i suoi effetti. Oggi diamo una speranza, una boccata di ossigeno a tante famiglie baresi che versano in condizioni di fragilità sociale e hanno conosciuto da vicino il dramma di non avere un tetto per la propria famiglia. Un intervento importante che purtroppo non è abbastanza perché soddisfa solo una parte delle circa 1400 famiglie ancora in attesa di una soluzione abitativa – ha proseguito l’assessore Lacoppola, concludendo – Grazie ai finanziamenti in arrivo da parte della Regione Puglia, il comparto 2 di Sant’Anna nei prossimi mesi vedrà nuove realizzazioni di edilizia residenziale pubblica. Il nostro impegno sulle politiche dell’abitare, in ogni caso, non si ferma ma procede, al fianco degli altri attori istituzionali tanto sulla zona di Sant’Anna quanto sugli altri cantieri e interventi in corso sulla città, come nel caso del Pirp di San Marcello o dei quartieri Santa Rita e Japigia”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui