Cabtutela.it
acipocket.it

La città si divide in due, forse con una maggioranza di scettici, nel giudicare il provvedimento del sindaco Antonio Decaro che ha deciso di far rimuovere in 48 ore ben 245 panchine tra corso Vittorio Emanuele e il lungomare di Crollalanza. Una ulteriore stretta a livello locale nel corso della seconda ondata di contagi e in vista delle festività di Natale.

Le critiche sui social non mancano. “I ragazzi si siederanno su ringhiere e muretti del lungomare, allora dovreste rimuovere pure quelli”, commenta un lettore di Borderline24. “Piuttosto che trovare soluzioni serie e immediate, Decaro sa solo far rimuovere le panchine per evitare stazionamenti e assembramenti. Una scelta davvero ridicola che comporterà un inutile aggravio di costi per la comunità”, aggiunge il consigliere Michele Picaro.

Oltre allo smontaggio delle panchine, per le giornate di sabato e domenica e delle festività sarà interdetto l’accesso a tutti i giardini pubblici sul lungomare nel quartiere Umbertino. Ma c’è chi condivide le preoccupazioni del primo cittadino. “A mali estremi, estremi rimedi”, scrive Loredana Martinelli. “Ha fatto benissimo Decaro, visto che molti non lo capiscono e ci ridono su”, aggiunge Alessandro Piscazzi Gagliardi. “Se si arriva a questo vuol dire che in giro ci sono molti irresponsabili. Smettetela di criticare tutto e tutti! Voi avete tutte le soluzioni e potreste sostituire medici e politici”, prosegue Silvana D’Addario. “Certo ogni iniziativa è inutile quando ci si trova cittadini ottusi e poi parliamo di responsabilità”, Anna Abbondanza.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui