Cabtutela.it
acipocket.it

C’era chi si sbarazzava dei propri rifiuti domestici riversandoli nei bidoni del locale cimitero, violando anche il coprifuoco vigente; chi lanciava i sacchetti direttamente dal veicolo in corsa e chi, con disinvoltura, accostava l’auto al marciapiede, apriva il bagagliaio e lo svuotava dell’immondizia abbandonandola sul ciglio della strada. Sono almeno 30 le persone multate dalla polizia locale di Molfetta, nel solo mese di dicembre, per le violazioni della normativa sul conferimento dei rifiuti. 

I militari sono riusciti a risalite all’identità degli incivili grazie alle immagini registrate dalle 160 telecamere di video-sorveglianza installate dalla stessa centrale operativa sul territorio, a cui si sono aggiunte l nuove microcamere mobili in dotazione della polizia locale del Comune in provincia di Bari.

“Stiamo dando continuità – spiega il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini – al lavoro degli agenti al servizio del comandante Cosimo Aloia, volto alla tutela ambientale della nostra città. Ringrazio tutto il corpo della Polizia locale che ogni giorno monitora le immagini delle telecamere e delle foto-trappole ubicate nei luoghi sensibili. Con il tempo – conclude il primo cittadino – riusciremo a sconfiggere le sacche di inciviltà che non ottemperano alla raccolta differenziata e che si sbarazzano per strada dei rifiuti”.

Un commento a cui fanno eco le parole dell’assessore comunale alla Sicurezza, Antonio Ancona, che precisa: “Stiamo perfezionando ulteriormente il sistema dei controlli con nuove microcamere ad alta definizione. Sono certo che durante questo 2021 la Polizia locale conseguirà risultati importanti nel contrasto all’abbandono dei rifiuti”.

Il video delle telecamere di video-sorveglianza.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui