Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Agivano in coppia, in maniera seriale, fino a che non sono stati fermati e denunciati dai poliziotti della Questura di Bari. Tutto è iniziato quando, nella mattinata di ieri nel quartiere Libertà, un 34enne che percorreva via Brigata Regina, è stato affiancato da un’Alfa Romeo 147 di colore grigio, che lo ha costretto a fermarsi. Il giovane conducente dell’Alfa ha accusato il 34enne di avergli strisciato la fiancata pochi metri prima, ma la vittima, sospettando che si trattasse dell’ormai nota “truffa dello specchietto”, ha fatto intendere al malintenzionato di voler chiamare la Polizia.

Prima che ciò accadesse, il giovane è tornato alla guida della 147 e si è dato alla fuga. L’altro ha immediatamente riferito quanto avvenuto ai poliziotti della sala operativa della Questura che, mediante un controllo incrociato tra telecamere e lettori targhe, hanno individuato il veicolo, dandone immediata nota di ricerca a tutte le volanti di zona.

Gli agenti, dopo pochi minuti, hanno intercettato, inseguito e bloccato la macchina su  viale Europa; dal successivo controllo è emerso che i due occupanti del veicolo, un crotonese classe ‘83 e la sua compagna, nativa della provincia di Siracusa, classe ’85, entrambi residenti a Noto (SR), pluri-pregiudicati, sono esperti recidivi della ‘truffa dello specchietto’, ben conosciuti alle forze dell’ordine.

La coppia di furbetti è stata deferita all’Autorità Giudiziaria competente per truffa in concorso e l’autovettura è stata inserita in una black-list nei database delle forze dell’ordine per la prevenzione di simili episodi. Inoltre, è stato immediatamente attivato il procedimento amministrativo finalizzato all’emissione del Foglio di Via obbligatorio dalla città di Bari in capo ai due responsabili: l’uomo, ha 38 anni ed è alto 1 metro e 70 cm circa, corporatura magra e carnagione scura, con barba e capelli scuri e gelatinati. La donna,  di 36 anni, che dimostra più della sua età, è alta 1 metro e 60 cm, mora e di corporatura medio-robusta.

Gli indagati sono stati sanzionati anche per la violazione del Dpcm in vigore circa le norme anti contagio.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui