Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Nell’ambito dell’attività finalizzata alla salvaguardia della vita umana in mare e alla tutela dell’ambiente marino e costiero, il personale della guardia costiera di Bari del “Nucleo Port State Control (PSC)”, ha adottato negli ultimi due giorni un provvedimento di fermo nei confronti della nave portarinfuse denominata “LODESTAR PACIFIC” e del traghetto “ST DAMIAN”,  entrambe unità battenti bandiera panamense.

Il provvedimento di fermo nei confronti della “bulk carrier” è stato adottato in quanto l’unità, successivamente ad una ispezione effettuata dagli ispettori, è risultata priva di un’appropriata certificazione che riconosce tutti i materiali pericolosi (hazardous materials) impiegati nella costruzione della nave, ai fini di un corretto riciclo della stessa al termine del suo ciclo di vita. Al Comandante della nave, in solido con l’armatore, è stata, inoltre, comminata una sanzione amministrativa di 10mila euro.

Guai anche per l’unità RO/RO Passeggeri ST, DAMIAN, arrivata da pochi giorni a Bari. In questo caso sono emerse diverse carenze relative sia alla sicurezza della navigazione (leva di accelerazione di una imbarcazione di salvataggio bloccata – un ombrinale di deflusso delle acque in garage ostruito – informazioni di emergenza per i passeggeri assenti in alcune cabine e in alcuni punti di riunione – griglie di aerazione del fumaiolo bloccate), che alla tutela dell’ambiente marino (impianto di trattamento delle acque nere di bordo risultato non operativo).

Al momento le unità sono ferme nel porto di Bari in attesa dei controlli da parte degli ispettori dei Registri di Classifica responsabili del rilascio della certificazione di sicurezza e dello Stato di Bandiera (Panama), e potranno ripartire solo dopo aver posto rimedio alle carenze accertate.

L’attività ispettiva di Port State Control e di Flag State Control, quest’ultima relativa al naviglio nazionale, vede costantemente impegnata la Guardia Costiera, vigilando e verificando che le unità che scalano i porti italiani siano in regola con le vigenti normative in materia di sicurezza della navigazione.

Nell’anno in corso sono state 9 le navi sottoposte a detenzione nei porti pugliesi della giurisdizione della Direzione marittima di Bari.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui