Cabtutela.it
acipocket.it

A prima vista sembrerebbe un tornado di detriti e polvere quello che si è abbattuto sulla penisola di Kamchatka, nella Russia orientale. Ma le immagini ravvicinate che hanno immortalato lo strano ed inquietante evento, girate da un auto in movimento, diventate subito virali, mostrano una realtà inquietante: un vero e proprio tornado di insetti, con milioni di zanzare che turbinano oscurando il cielo.

Alcuni testimoni hanno affermato di aver visto diverse “colonne giganti” di insetti che formavano la nube, che si estendeva per centinaia di metri, ostacolando la visibilità delle strade. Spinti dai venti, i vortici si alzavano fino alle nuvole, con le colonne che si disgregavano e riformavano. Un fenomeno alquanto bizzarro, ma non nuovo nella regione, secondo gli esperti. Questi eventi sono in realtà del tutto normali, spiega l’entomologo Lyudmila Lobkova. Gli sciami fanno parte del rituale di accoppiamento delle zanzare: i maschi circondano le numerose femmine per accoppiarsi e non c’è nulla di anomalo in questo, precisa Lobkova, sottolineando che gli esseri umani non sono a rischio.

Gli sciami di insetti si formano nel mondo durante tutto l’anno, talvolta così grandi da essere rilevati dai radar del National Weather Service, come accadde nel 2019 con un’orda di libellule nel Midwest. Negli ultimi due anni si è parlato anche di “piaga biblica” riguardo alla spaventosa invasione di locuste nell’Africa orientale fino al Medio Oriente, che ha devastato intere colture e aggravando le condizioni di sicurezza alimentare in molte regioni. L’aspetto preoccupante di questi eventi, come riportano recenti studi, sta nella loro durata e portata nel tempo, che appare più estesa per effetto del cambiamento climatico. Le temperature più calde favoriscono la proliferazione di questi insetti prolungando anche la stagione di accoppiamento, facendo parlare così di vere e proprie invasioni.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui