lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

L’influenza aviaria H1N1 è stata rilevata in un delfino tursiope trovato morto la scorsa settimana in Florida, una settimana dopo la diagnosi della malattia in una focena (un piccolo cetaceo simile a un delfino) in Svezia. È la prima volta che l’influenza aviaria viene rilevata nei cetacei. Non è chiaro quanto sia comune il fenomeno, ma il fatto che il virus sia stato trovato in due specie diverse e in diversi continenti “quasi certamente” significa che ci sono altri casi, ha detto a The New, Richard Webby, virologo del St. Jude Children’s Hospital. York Times. » a Memphis.

“La sorveglianza epidemiologica su scala globale non sarebbe mai stata abbastanza sensibile da registrare gli unici due eventi di questo tipo”, ha affermato il virologo, che è coinvolto nelle indagini sull’incidente in Florida. Gli esperti sottolineano che il rischio per l’uomo rimane basso. Nell’ultima ondata di influenza aviaria che ha colpito gli uccelli, finora è stato segnalato un solo caso umano, con il paziente noto per essere entrato in contatto con il pollame, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Il virus in questione, l’influenza eurasiatica H1N1, si è diffuso agli allevamenti di pollame ma colpisce anche uccelli selvatici, come aquile, gufi e pellicani, tra gli altri.

E le epidemie nelle popolazioni di uccelli selvatici mettono in pericolo i mammiferi che cacciano uccelli, come volpi, gatti selvatici, furetti e altre specie. Il virus è stato rilevato anche nelle foche (che non sono direttamente correlate alle focene e non sono cetacei).


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui