LUNEDì, 15 LUGLIO 2024
74,563 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,563 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, vittoria al cardiopalma: a Ferrara termina 3-4 per i galletti

Pubblicato da: Nicola Lucarelli | Sab, 4 Febbraio 2023 - 15:09
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

Accade di tutto al ‘Paolo Mazza’ di Ferrara. Il Bari prima domina, poi si complica la vita. La squadra di Mignani sfrutta al massimo le proprie armi e si mostra cinica e spietata per quasi 80 minuti di gioco. Poi, il black out che nessuno si aspetta. Cheddira e compagni subiscono due reti evitabili nel giro di due minuti e rischiano di compromettere la gara. Il forcing finale della squadra di De Rossi non produce occasioni e Mignani può tornare a sorridere.

SCELTE INIZIALI: Smaltita la delusione per la pesante sconfitta interna contro il Perugia, il Bari cerca il riscatto in quel di Ferrara, contro la Spal. Sono 24 i convocati dal tecnico Mignani: non c’è il neo acquisto Matino perchè squalificato, mentre Maita è indisponibile a causa di un attacco influenzale.

Mignani punta nuovamente sul 4-3-1-2 e ripropone Pucino sulla corsia destra al posto di Dorval. A centrocampo è Mallamo il vice Maita, mentre in attacco c’è l’esordio in biancorosso di Sebastiano Esposito.

In casa Spal, il tecnico Daniele De Rossi non può contare su  Varnier infortunato, mentre il neo acquisto Nainggolan si accomoda in panchina. L’ex centrocampista della Roma schiera i suoi con un 3-4-3 con Fetfatzidis che parte dal primo minuto. In attacco c’è Moncini, sogno proibito di Polito nel calciomercato estivo.

PRIMO TEMPO: Parte forte la Spal che impegna Caprile già al secondo minuto con un tiro/cross di Dickmann. Replica subito il Bari con un contropiede fulmineo di Cheddira, ma il tiro del nazionale marocchino è impreciso. Ancora la squadra biancorossa protagonista al minuto 6 con Mallamo che, ben imbeccato da Folorunsho, colpisce alto di testa. Bari che morde le caviglie dell’avversario con Maiello che ruba palla alla difesa spallina, ma il suo servizio per Cheddira è intuito da Alfoso. Passa solo un minuto ed Esposito vede un ottimo corridoio per Cheddira ma, anche stavolta, la conclusione dell’attaccante risulta sbilenca. Si rifà viva la Spal con un tentativo poco fortunato di Fetfatzidis al minuto 10. Ancora il greco protagonista al minuto 11: questa volta il suo tiro termina a pochi centimetri dal palo. La squadra di De Rossi ci riprova al minuto 17 con una conclusione alta di Prati. Si sblocca la gara al minuto 20 con Folorunsho che beffa Alfonso con un tiro dalla distanza, deviato da Meccariello: Bari in vantaggio. Passano altri cinque minuti e la squadra di Mignani trova il raddoppio col calciatore più atteso: Sebastiano Esposito. L’ex attaccante dell’Inter è lesto ad approfittare di una corta respinta di Alfonso dopo una sventola di Folorunsho. La Spal preme e sfiora la rete al minuto 41 con un colpo di testa di Meccariello, ma Caprile è reattivo. Non accade più nulla sino termine del primo tempo. Bari avanti per 2-0 al Paolo Mazza.

SECONDO TEMPO: La ripresa si apre con un cambio per il Bari: Folorunsho viene sostituito da Molina. De Rossi si gioca la carta Nainggolan al minuto 51. La Spal si carica con l’ingresso in campo del ‘ninja’ e va vicinissima al gol con un colpo di testa di Dalle Mura, ma Caprile sventa con un riflesso felino. Grande percussione di Celia al minuto 55, ma la sua conclusione è troppo debole per Caprile. Ma è il Bari a trovare ancora la via della rete al minuto 56 con il piatto forte della casa: lancio di Maiello e contropiede di Cheddira che brucia tutti e supera Alfonso per la terza volta. Secondo cambio di Mignani al minuto 59: fuori Esposito dentro Antenucci. Ma la Spal non ci sta e accorcia le distanze al minuto 62 con Moncini, dopo una grande giocata di Nainggolan. La squandra di Mignani non si disunisce e trova la quarta rete proprio con l’idolo di casa: Mirco Antenucci che, al minuto 67, svetta più in alto di tutti e trafigge Alfonso. Applausi del ‘Paolo Mazza’. Ci prova anche Nainggolan con un tiro la volo al minuto 70, ma Caprile risponde presente. Ancora un cambio per i galletti al minuto 78: fuori Mallamo dentro Bellomo. Cerca gloria anche Pucino al minuto 80, ma la sua botta dalla distanza finisce alta. La Spal è ancora viva e trova il gol del 2-4 al minuto 81 con Nainggolan che batte Caprile con un tipo potentissimo. Passa solo un minuto e la squadra di De Rossi va sul 3 a 4 con un tiro cross di Celia che trova impreparato Caprile. La partita si riapre in maniera clamorosa. Mignani corre ai ripari e inserisce Zuzek al posto di Benedetti al minuto 86. I galletti resistono sino al minuto 95 e portano a casa tre punti preziosi.

PAGELLE: Gli attaccanti graffiano, la difesa non è irreprensibile.

Caprile 6,5, Pucino 6,5, Di Cesare 6, Vicari 6, Mazzotta 6, Mallamo 6 (78′ Bellomo sv), Maiello 6,5, Benedetti 6 (86′ Zuzek sv), Folorunsho 6 (46′ Molina 6), Esposito 6,5 (59′ Antenucci 6,5), Cheddira 6,5.
Mignani 6,5

TABELLINO: 3 – 4

MARCATORI: 20′ Folorunsho 25′ Esposito 56′ Cheddira 62′ Moncini 67′ Antenucci 81′ Nainggolan 83′ Celi

Ammoniti: Folorunsho, Bellomo, Mazzotta

Espulsi: Nessun

Angoli: 7 –

Spettatori: 8.773, (4.765 abbonati; 512 tifosi ospiti

FORMAZIONI INIZIALI:

BARI (4-3-1-2): Caprile, Pucino, Di Cesare (c), Vicari, Mazzotta, Mallamo, Maiello, Benedetti, Folorunsho, Esposito, Cheddira

Panchina: Frattali, Antenucci, Benali, Botta, Marachioli, Zuzek, Scheidler, Ricci, Bosisio, Bellomo, Molina, Dorval

SPAL (3-4-3): Alfonso, Dalle Mura, Meccariello, Moncini, Zanellato, Fetfatzidis, Prati, Celia, Dickmann (c), Peda, Rabbi

Panchina: Pomini, Fiordaliso, Zuculini, Valzania, Arena, La Mantia, Murgia, Almici, Rauti, Ayoub, Tunjov, Nainggolan

SQUADRA ARBITRALE:

Arbitro: Rosario Abisso della sezione di Palermo. Assistenti: Mauro Galetto della sezione di Rovigo e Giuseppe Marco Macaddino della sezione di Pesaro.

Quarto ufficiale: Francesco D’Eusanio della sezione di Faenza. VAR: Valerio Marini (Roma1). AVAR: Ermanno Feliciani (Teramo).

Foto sscbari

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Muore inseguendo ladro nel Foggiano, il...

Afzal Muhammad aveva poco meno di cinquant'anni. Viveva e lavorava a...
- 15 Luglio 2024

I Governatori più amati di Italia,...

Michele Emiliano è al 12esimo e penultimo posto della classifica di...
- 15 Luglio 2024

I cani e la convivenza con...

Chi non ha problemi con cani (e bambini) all'interno dei condomini?...
- 15 Luglio 2024

Bari, addio a Leonardo Miniello: oggi...

Si svolgeranno alle 17 di oggi nella parrocchia di Sant’Antonio da...
- 15 Luglio 2024