MARTEDì, 16 LUGLIO 2024
74,582 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,582 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Vacanze? Non tutti si spostano da Bari: “Costi troppo alti”

C'è anche chi non parte per paura della guerra, ecco i piani di alcuni cittadini per le vacanze estive

Pubblicato da: Francesca Emilio | Sab, 15 Giugno 2024 - 14:48
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

C’è chi resterà in Puglia (e chi ci tornerà in quanto fuori sede), chi non oltrepasserà i confini dell’Italia e chi invece volerà all’estero, ma c’è anche chi resterà a Bari, senza spostarsi troppo. Sono i piani per le vacanze estive di alcuni cittadini del capoluogo pugliese. Dai costi troppo alti, all’impossibilità di pianificare con largo anticipo, sino alla semplice volontà di non spostarsi “per timore della guerra”. Sono alcune delle motivazioni che spingeranno i cittadini a rinunciare alle vacanze lontani da casa. Tra le mete più gettonate, in base alle persone ascoltate, c’è sicuramente la Puglia, più in particolare il Gargano e il Salento. Tanti infatti quelli che si sposteranno ad agosto o a settembre proprio nel tacco d’Italia. Non mancano però mete come Grecia e Albania, per i costi sostenuti, ma anche la Spagna, il Portogallo e la stessa Italia, in particolare la Sicilia. Per alcuni però la questione “vacanze” è off limits. Le motivazioni variano e dipendono da persona a persona, ma spunta, per la prima volta, il timore che la guerra in Palestina e Ucraina possa coinvolgere anche i confini italiani.

“Preferisco non spostarmi – ha raccontato un cittadino – resterò a Bari città e sarà un modo per risparmiare, ma anche di non restare coinvolto nelle scelte scellerate di questo governo che sembra sempre più intenzionato a far partecipare il nostro paese alla guerra”, ha concluso. Parole a cui fanno eco quelle di un’altra cittadina che però, sceglie di non partire per una questione di costi. “Quest’anno preferisco risparmiare – ha spiegato – abbiamo la fortuna di vivere a Bari e in Puglia, quindi il mare non manca. Ma l’idea di spendere oltre mille euro per partire mi fa sentire male, quest’anno appena trascorso è pesato. Tra bollette, caro prezzi per la spesa e costo della vita, è meglio pensare a risparmiare per non trovarsi troppo in difficoltà l’anno prossimo”, ha concluso. Ci sono poi cittadini che hanno scelto di restare in Regione spostandosi però per un’intera settimana in un villaggio. “Abbiamo approfittato delle prenotazioni prima – ha spiegato Patrizia – avevamo adocchiato una struttura sul Gargano l’anno scorso, ma quando abbiamo deciso era già tutto pieno. Così a febbraio abbiamo fatto subito il preventivo. Pagheremo 1.550 euro per una settimana in quattro. Abbiamo optato per pensione completa e saremo lì dal 13 a 20 luglio. La stessa settimana abbiamo chiesto per una famiglia di amici poco tempo fa e i prezzi sono lievitati, costa infatti 2200. Quindi abbiamo fatto bene a prenotare con largo anticipo. Ma i prezzi in generale sono molto alti da sostenere per una famiglia che, come noi o altri, non sa fino all’ultimo quando andrà in ferie”, ha concluso. Si svolgerà sempre in Puglia, ma con modalità del tutto diverse, la vacanza di Antonella e della sua famiglia. “Partiremo in camper – ha raccontato – l’abbiamo comprato l’anno scorso e abbiamo fatto una grande scelta perché possiamo girare diverse mete, fermandoci quanto vogliamo, spendendo molto meno per l’alloggio. Molte delle spese alte prima riguardavano proprio il pernotto. Certamente bisogna mettere in conto il vitto e il costo della benzina, ma è nulla in confronto a quanto avremmo pagato per un villaggio”, ha concluso. “Con la mia famiglia andremo in Sicilia – ha detto invece Alice – i costi sono grosso modo simili alla Puglia, ma è un modo per esplorare un luogo diverso dove non c’è solo mare, ma anche tanta cultura”, ha concluso.

Per i giovani invece la scelta è verso l’estero e, nella maggior parte dei casi (almeno per quelli presi in considerazione per l’articoli, le scelte guardano a mete come Albania, Grecia, ma anche Spagna e Portogallo. “Non abbiamo ancora prenotato – spiega un gruppo di amici – ma stiamo valutando tra Albania e Grecia oppure Spagna e Portogallo. Sono mete bellissime, la differenza sta nei costi, le prime costano un po’ meno, quindi potremmo fermarci anche più giorni, le seconde hanno costi leggermente più elevati. Il problema riguarda soprattutto i voli, sono molto aumentati e forse avremmo dovuto prenotare molto prima, ma non potendo sapere con precisione quando prendere le ferie e come organizzarci, è stato impossibile”, concludono. Tante però le persone che ogni anno scelgono la Puglia e Bari come meta, tra loro non solo turisti, ma anche tanti fuori sede. “Forse per noi è più facile – spiega una mamma che vive al nord da anni – torniamo a casa e abbiamo dove mangiare e dormire, quindi i costi sono ridotti, ma non c’è luogo più bello in cui fare vacanza. Anzi, forse questa regione e Bari vissute come turisti è anche meglio, altrimenti non ce ne saremmo andati da qui ormai 15 anni fa. Quest’anno, al contrario degli anni passati non andremo altrove, l’anno scorso siamo stati in Sardegna, l’anno prima in Sicilia. Solo la Puglia può bastare, bisogna risparmiare”, conclude.

Foto Freepik

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Dallo sport in carrozzina ai ragazzi...

L’Aps-Asd HBari 2003 chiuderà l’anno sportivo 2023/2024 con una cerimonia pubblica...
- 16 Luglio 2024

Bari, a Torre a Mare riapre...

Riapre la delegazione dell’ufficio demografici nel quartiere di Torre a Mare....
- 16 Luglio 2024

Bari, troppo caldo: i pannelli in...

Stanno facendo il giro del web le immagini di un incendio...
- 15 Luglio 2024

Bari, San Girolamo e Fesca al...

San Girolamo e Fesca sono al buio da due ore ....
- 15 Luglio 2024