Zootropolis di Rich Moore e Byron Howard – Recensione

Il nuovo film d'animazione della Disney, con gli animali a fare le veci dell'uomo

1552

Cabtutela.it
Fdl2020

\r\n

Zootropolis, nuovo film d’animazione targato Walt Disney Pictures, sbarca nei cinema italiani, confermando per l’ennesima volta la bontà qualitativa dei prodotti realizzati da questo Studio, che, da anni a questa parte, non sbaglia un colpo, centrando sempre l’obiettivo con precisione ed efficacia perfetti.

\r\n

Il lungometraggio, diretto da Rich Moore e Byron Howard, registi di tutto rispetto e grande esperienza nel campo dell’animazione, racconta una storia che si svolge in un universo narrativo nel quale sono gli animali a fare le veci dell’uomo, creando una società civile che li ha visti abbandonare da secoli i loro primordiali istinti, al fine dar vita a una convivenza pacifica e consapevole tra le due principali famiglie della Fauna terrestre, quella dei predatori e quella delle prede.

\r\n

Protagonista di Zootropolis è Judy Hopps, una coniglietta fortemente determinata ad abbandonare la realtà campestre nella quale la sua razza è abituata a vivere, per partire alla volta della grande città (omonima del titolo) con il sogno di divenire un agente di polizia e proteggere gli innocenti. In questo mondo, prima di lei, non vi era stato mai alcun poliziotto coniglio, specie nota per non essere certo tra le più forti e soprattutto coraggiose, ma, nonostante i fisiologici limiti, Judy riesce a raggiungere il suo obiettivo, armandosi di forza di volontà e determinazione. Sfortunatamente, la protagonista si troverà invischiata in una torbida vicenda, che la porterà a indagare su una serie di sparizioni che vedono vittime i soli predatori. Ad aiutarla in questa missione vi sarà lo scaltro Nick Wilde, una volpe maestra della truffa. Questo insolito dinamico duo dovrà presto imparare a fare fronte comune, mettendo da parte le diversità, per fare luce su un pericoloso mistero, in una storia ricca di colpi di scena sino alla fine.

\r\n

Un modo efficace per descrivere Zootropolis in maniera accurata è quello di definirlo come una fiaba di Esopo in chiave 2.0: un racconto con protagonisti animali con attitudine speculare a quella umana, ognuno con un suo preciso e funzionale ruolo, con una bella e sincera morale finale. Questa storia parla della paura esistenziale che ognuno di noi prova (o ha provato) quando, crescendo, si è dovuto confrontare con la durezza della vita, alla ricerca del proprio posto nel mondo. Così come parla di coraggio e forza di volontà: davvero gli unici strumenti in grado di consentirci di superare le nostre più grandi paure. Autodeterminazione, per usare un termine caro alla filosofia.

\r\n

Altro tema importante è quello del pregiudizio, così insito e pericoloso nella natura umana, o in questo caso animale: l’idea che una volpe sia destinata a vivere di sotterfugi per il proprio tornaconto, o che un coniglio sia il più “fifone” di tutti, sono metafore di quel razzismo che ha fatto così tanti danni nel corso della storia.

\r\n

Il modo con il quale questi argomenti di grande importanza e, purtroppo, attualità vengono sciorinati è perfetto per un giovane pubblico, la nuova generazione che sarà chiamata a sua volta a cercare di migliorare la società nella quale viviamo (sperando che faccia un lavoro migliore del nostro). Per questo motivo, sopra ogni cosa, Zootropolis è un film che è quasi imperativo che ogni genitore faccia vedere ai propri figli.

\r\n

E poi, come quasi ogni produzione Disney, si tratta di un lungometraggio d’animazione meraviglioso per come è stato “costruito”. Il lavoro di design, sia dei personaggi che delle ambientazioni, è encomiabile, così come è estremamente apprezzabile la grafica della fotografia, del colore, del movimento dei personaggi, specie nelle espressioni facciali, così verosimili che si fa fatica a credere che si tratti davvero di un cartone animato e che gli animali non parlino davvero nella nostra realtà. Per avere un esempio della spasmodica cura e attenzione al particolare, si guardi al logo dello smartphone della protagonista, dove una carota va a sostituire la nota mela della Apple.

\r\n

Sicuramente, Zootropolis è un film dedicato prettamente a un pubblico giovane, ma non per questo motivo è destinato a scontentare gli adulti. Sia per le tematiche suddette, il cui ripasso male non fa a nessuno, ma anche per alcuni elementi narrativi che di certo dei bambini non sono in grado di carpire: dalla citazione del discorso delle “Quattro Verità” di Franklin Delano Roosevel (“l’unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa“), alla presenza di due trafficanti di droga di nome Walter e Jesse, omonimi dei protagonisti della serie TV cult Breaking Bad. E questo solo per citarne un paio, perché in realtà Zootropolis è straripante di riferimenti alla cultura, pop e non solo.

\r\n

[ultimate_spacer height=”25″ height_on_tabs=”25″ height_on_tabs_portrait=”25″ height_on_mob_landscape=”25″ height_on_mob=”25″]
Zootropolis, poster
[ult_content_box box_shadow=”horizontal:px|vertical:px|blur:px|spread:px|color:rgb(247, 247, 247)|style:none|” hover_box_shadow=”horizontal:px|vertical:px|blur:px|spread:px|color:rgb(247, 247, 247)|style:none|”]
[table sort="desc"] Titolo:,Zootropolis Regia:,Rich Moore e Byron Howard Sceneggiatura:,Jared Bush e Phil Johnston Cast (doppiaggio originale):,Ginnifer Goodwin - Jason Bateman - Idris Elba - Jenny Slate - Nate Torrence - J.K. Simmons Genere:,Animazione - Avventura Produzione:,Walt Disney Pictures Durata:,108 minuti Data di Uscita:,18 febbraio 2016 [/table]
[/ult_content_box][pro_ad_display_adzone id=”1635″ undefined=””][ultimate_spacer height=”25″ height_on_tabs=”25″ height_on_tabs_portrait=”25″ height_on_mob_landscape=”25″ height_on_mob=”25″]

ULTIME RECENSIONI

“Si vive una volta sola”: Carlo Verdone presenta il suo ultimo film, girato interamente...

Nove settimane di lavorazione nella calda estate 2019, in cui sono state coinvolte diverse località del Salento (Otranto, Castro, Diso, Santa Cesarea Terme, Melendugno,...

Bari su Netflix con Sophia Loren: arriva “La vita davanti a sé”

L'annuncio è stato dato da Netflix. L'ultimo film di Sophia Loren, girato a  Bari la scorsa estate,  “La vita davanti a sé” diretto dal...

“Tolo tolo” perde la prima posizione: boom di incassi per “Me contro te”

"Me contro Te" il film degli youtuber Sofì e Luì, amatissimi tra i bambini, ha superato domenica 19 gennaio "Tolo Tolo" di Checco Zalone....

Incasso record per il nuovo film di Zalone: 8,6 milioni di euro in un...

Nuovo record nel cinema italiano per l'ultimo film di Checco Zalone alias  Luca Medici: secondo i dati diffusi nella notte da Cinetel, Tolo Tolo ha superato di...

Il primo gennaio esce “Tolo Tolo”: Checco Zalone presenta il suo nuovo singolo “Immigrato”...

Uscirà il primo gennaio Tolo Tolo, il nuovo film di Checco Zalone. Oggi il cantante e attore pugliese ha pubblicato il suo nuovo singolo...
[pro_ad_display_adzone id=”2820″ undefined=””]

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui