Lauree fuori controllo, piazze storiche come discariche

In Ateneo sistemati cartelli contro gli sporcaccioni. Ma all'esterno è tutto un immondezzaio. Super lavoro per l'Amiu

1144
\r\n\r\nhttps://youtu.be/lUwNq7blyHA\r\n

BARI – “Attenzione, è severamente vietato sporcare o fare feste nei corridoi e nei cortili dell’Ateneo”. I cartelli, attaccati con del nastro adesivo, sono comparsi in questi giorni tra i corridoi e nell’atrio dell’Università di Bari. In concomitanza con le sedute di laurea che trasformano l’Ateneo in una discarica di coriandoli.

\r\n

Il rettore Antonio Uricchio ha quindi voluto giocare d’anticipo, sistemando i cartelli sulle pareti e dando anche mandato al personale di individuare e fermare qualsiasi comportamento poco consono. In parte c’è riuscito, perché i coriandoli, le bottiglie di spumante, carte e piatti sono rimasti, ma non più tra i corridoi dell’Università bensì in piazza Cesare Battisti, piazza Umberto e su via Nicolai e via Crisanzio.

\r\n

“Si è solo spostato il problema all’esterno – spiegano gli studenti che ieri mattina non riuscivano neanche a percorrere i viali interni dell’Ateneo, bloccati da centinaia di parenti pronti a fare festa – è giusto festeggiare, ma almeno chi sporca pulisse. Non ci vuole nulla a portarsi una scopa e una paletta e a gettare tutto nei bidoncini”.

\r\n

I coriandoli sono stati lanciati persino nella fontana di piazza Umberto, oltre che nelle aiuole, lungo i viali di piazza Cesare Battisti e sulla pavimentazione di via Crisanzio e via Nicolai.

\r\n

“Certo – aggiunge un altro studente – potevano evitare di mettere quei cartelli di carta attaccati con lo scotch. Non ci facciamo neanche una bella figura”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here