BARI – Si chiama “Natural..mente Scuola: innovazione e sviluppo sostenibile” ed è il progetto rivolto agli studenti delle scuole superiori, con il sostegno di tre big player del settore aerospaziale (Boeing, Finmeccanica e Avio Aero), due poli universitari (il Politecnico di Bari e l’Università del Salento), la Regione Puglia e il Distretto Aerospaziale Pugliese.

\r\n\r\n

\r\n\r\nLe 43 idee di start up scelte quest’anno dagli studenti pugliesi mostrano una particolare attenzione al tema dei biocarburanti, della produzione e recupero di energia “pulita” per il fabbisogno aeroportuale o degli stessi velivoli, e dell’uso della tecnologia per favorire e innovare i servizi collegati al viaggio aereo e all’aeroporto. Al termine del percorso didattico, le classi parteciperanno al concorso finale, che mette in palio un viaggio per due studenti e un insegnante dei due istituti vincitori al Salone internazionale dell’Aeronautica e dello Spazio di Farnborough (Londra) a luglio 2016 e una visita guidata per tutta la classe presso uno stabilimento di produzione delle aziende promotrici.\r\n\r\nL’iniziativa, che vanta il prestigioso patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco, coinvolgerà in questa nuova edizione circa 2.000 studenti.\r\n\r\n

\r\n

“Io oggi vorrei dire grazie alle aziende che sono qui perché si sono sforzate, pensando da lontanissimo, di creare ricchezza nel nostro territorio esercitando la responsabilità sociale. Loro stanno facendo bene pubbliche relazioni non solo con le istituzioni ma anche con il territorio”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano in occasione della presentazione dell’ottava edizione del progetto.

\r\n

“Quando scuola e lavoro si mettono insieme producono risultati straordinari  – ha detto ancora Emiliano – grandi aziende con grandi progetti nel futuro, in questo caso nell’aerospazio, entrano nelle scuole per costruire cultura d’impresa e cultura del lavoro con i ragazzi pugliesi. La prima cosa che mi viene in mente è il numero ancora alto di ragazzi che si perdono fuori da questi meccanismi virtuosi e che si perdono piegando la schiena, cioè umiliandosi davanti a situazioni che un essere umano non dovrebbe accettare. E’ difficile tenere la schiena dritta oggi. Il Sud è pieno di persone che hanno dovuto piegarla perchè il sistema nel suo complesso, non ha funzionato. Ecco progetti come questo danno l’occasione di tenere lo sguardo dritto e di guardare in faccia chiunque, garantendo libertà e felicità nel rispetto delle regole. Esistono infinite possibilità, grazie alla scuola pubblica, che possono rendervi bravi e competenti. Le aziende che sono qui oggi sono disponibili a farsi sottrarre un po’ delle loro idee e dei loro stili di vita virtuosi per trasferirle ai giovani ai quali chiedono di compartecipare alla costruzione del futuro”.

\r\n 

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here