Astrogamma di LRNZ e Alessandro Caroni – Recensione

1569

Cabtutela.it
acipocket.it

\r\n

Immaginate il vostro peggiore incubo, la vostra fobia più viscerale e visualizzatela. Aggiungete un tratto grafico preciso, pulito, maestoso per dettagli e risoluzione. Prendete poi dei dialoghi concitati, diretti e carichi di adrenalina, e metteteci anche il giusto riconoscimento a due artisti nostrani che non si perdono in esotismi e che hanno il coraggio di ambientare una storia sci-horror a Roma.

\r\n

Quello che otterrete sono centosessanta pagine travolgenti e spietate, un’esperienza di lettura stimolante nella sua complessità, nel suo scorrere alla velocità della luce e allo stesso tempo esigere lunghi secondi di analisi per orientarsi nelle immagini che continuano a esplodere.

\r\n

La storia parte con tre ragazzi, Davide, Bea e Uria, al mare, in un giorno come tanti. Fotogrammi del loro percorso disseminano indizi della catastrofe imminente: dei ragazzini che fanno a pezzi un grillo, il disegno sulla giacca di Uria, la sua corsa in moto fino ad arrivare allo schizzo che Davide mostra agli amici una volta riuniti in spiaggia, oscuro presagio di quanto sta per accadere.

\r\n

Il precipitare degli eventi è rapido, l’invasione degli insetti giganti è già pronta e la carneficina è assicurata. Il primo a cadere è proprio Davide (anche se non è affatto così semplice), squarciato in due da un orribile scarafaggio gigante.

\r\n

Il corpo del ragazzo giace sul fondo del mare, in una grande stella marina, e di lui perdiamo le tracce.

\r\n

Inizia la fuga disperata di Uria e Bea alla ricerca della salvezza da quella che sembra essere una vera e propria rivolta di un esercito di insetti dalle dimensioni e dalla fame abnormi. Roma è invasa, sembra non esserci alcuna via di scampo. I pochi superstiti si muovono alla cieca nel vano tentativo di sfuggire alla morte.

\r\n

Uria e Bea, con l’orrore impresso negli occhi, devono lasciare la città cercando la via di fuga più rapida e sicura prima che Roma venga completamente rasa al suolo dall’esercito.

\r\n

Nel frattempo, una figura misteriosa emerge dal mare recando sul petto una stella, un nuovo stadio dell’essere umano dalla forza straordinaria: sarà in grado di affrontare la rivolta degli insetti giganti e salvare la razza umana dall’estinzione?

\r\n

Se l’interrogativo suscitato dalla lettura si esaurisse qua, avremmo a che fare con un racconto orrifico molto ben fatto, tecnicamente eccellente dal punto di vista grafico (non a caso Lorenzo Ceccotti si è aggiudicato il Premio Boscarato come miglior disegnatore al Treviso Comics nel 2015), ma Astrogramma racchiude ben altro.

\r\n

La chiave di lettura è molto sottile e colta e scava a fondo nella storia della letteratura italiana, in un passaggio citato nel testo tratto dallo Zibaldone di pensieri di Giacomo Leopardi.

\r\n

Avete letto bene, uno dei padri della letteratura italiana, il filosofo del pessimismo cosmico, uno dei filologi più prolifici della Storia ha gettato le basi per questo inseguimento mozzafiato nelle gallerie romane a cavallo di una motocicletta, contro orde di abominevoli scarafaggi.

\r\n

“Entrate in un giardino di piante, d’erbe, di fiori. Sia pur quanto volete ridente. Sia nella più mite stagion dell’anno. Voi non potete volger lo sguardo in nessuna parte che voi non vi troviate del patimento. Tutta quella famiglia di vegetali è in stato di souffrance, qual individuo più, qual meno. Là quella rosa è offesa dal sole, che gli ha dato la vita; si corruga, langue, appassisce. Là quel giglio è succhiato crudelmente da un’ape, nelle sue parti più sensibili, più vitali.”

\r\n

Ed eccoci qua, oggetti della caccia di animali più grandi e più numerosi, vittime di un’evoluzione che non conosce pietà o “antropocentrismo”, schiacciati nonostante il nostro intelletto e la nostra tecnica dall’indefesso cammino della vita e dalle forze primordiali di fame e morte che governano l’Universo. Non c’è alcuna cattiveria nel nostro sterminio, ma una necessità di sopravvivenza per un organismo ancora più grande, senza il quale noi stessi non avremmo mai conosciuto il nostro concetto di vita: la Terra.

\r\n

“Immaginavi tu forse che il mondo fosse fatto per causa vostra? Ora sappi che nelle fatture, negli ordini e nelle operazioni mie, trattone pochissime, sempre ebbi ed ho l’intenzione a tutt’altro che alla felicità degli uomini o all’infelicità. Quando io vi offendo in qualunque modo e con qual si sia mezzo, io non me n’avveggo, se non rarissime volte: come, ordinariamente, se io vi diletto o vi benefico, io non lo so; e non ho fatto, come credete voi, quelle tali cose, o non fo quelle tali azioni, per dilettarvi o giovarvi. E finalmente, se anche mi avvenisse di estinguere tutta la vostra specie, io non me ne avvedrei.” – Giacomo Leopardi, Operette morali, Dialogo della natura e di un islandese.

\r\n

Agghiacciante. Necessario. Naturale.

\r\n

Il nostro futuro guardato da un occhio super partes, al di là del bene e del male, tanto per citare un altro filosofo.

\r\n

Tuttavia, nel finale (che non vi sveliamo) una porta per noi poveri parassiti umani rimane aperta, forse.

\r\n

Astrogramma avvicina il lettore a tematiche universali giocando su una lettura a più livelli, che chiama ripetutamente il pubblico a confrontarsi con il volume. Se ne apprezzano sicuramente i disegni, nello stile “nippofilo” di LRNZ che ricorda i maestri del manga, se ne apprezza la storia e la rapidità e, infine, con una lettura più attenta, se ne apprezza anche il messaggio.

\r\n

Con questa pubblicazione BAO Publishing aggiunge alla sua scuderia un gioiellino della narrazione illustrata italiana, una graphic novel che non ha nulla da temere nel confronto con le ultime uscite europee ed extra-continentali, che vi invitiamo assolutamente a leggere e rileggere.

\r\n

Astrogamma

\r\n

[table sort=”desc”]\r\nTitolo,Atrogamma\r\nEditore,BAO Publishing\r\nTesti,LRNZ – Alessandro Caroni\r\nDisegni,LRNZ\r\nFormato,18.2×25.7 – B – 160 pp. – b/n\r\nPrezzo,€ 23.00\r\nData di Uscita,novembre 2015\r\n[/table]

\r\n

ULTIME RECENSIONI

Elliot: il nuovo supereroe che viene dal web

Torniamo sempre molto volentieri a parlare di Wilder, la piattaforma online dove - settimana dopo settimana - i lettori possono leggere gratuitamente capitoli sempre nuovi di webcomic...

Killer, supereroi e citazioni: il mondo di Stefano Labbia

Un assassino prezzolato, un eroe in grado di far materializzare qualsiasi cosa gli viene in mente. Ecco Kimberly e Kremisi, i due massimi rappresentanti degli...

Torna a Terlizzi il Chiù, Festival di illustrazione e dintorni

Dal 29 luglio al 4 agosto torna il CHIU' - Festival di illustrazione e dintorni al MAT Laboratorio Urbano di Terlizzi, realizzato con le...

Torna a Terlizzi il Chiù: tra gli ospiti, Ratigher e Davide Toffolo

Laboratori, mostre, teatro, concerti e tanti ospiti del mondo del fumetto e dell'illustrazione: torna per il terzo anno consecutivo il Chiù, festival di illustrazione...

“Frantumi” di Masi e Petruccioli: quando il fumetto diventa poesia

Si dice che quello che non ti distrugge ti rende più forte. Ma se ogni perdita ci riduce a pezzi, c'è chi – per...

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui