Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

BARI – Il Tribunale Civile di Brindisi ha disposto il sequestro conservativo di camion e merci del valore di 2 milioni di euro che si trovano ancora sul relitto del traghetto Norman Atlantic, naufragato la notte fra il 27 e il 28 dicembre 2014 dopo un incendio scoppiato a bordo al largo delle coste albanesi. Un incidente costato la vita a 11 persone (altri 18 passeggeri risultano ancora dispersi). Il sequestro è stato chiesto e ottenuto dalla società Fratelli Barretta che trainò il traghetto fino al porto di Brindisi. L’impresa rivendica infatti un “credito per il salvataggio del carico”, ricordando di aver effettuato “attività di soccorso” con tre rimorchiatori dalla baia di Valona al porto di Brindisi, consentendo “il salvataggio dei 500 passeggeri, dei 55 membri dell’equipaggio, nonché della nave, di parte degli automezzi e cose trasportate e infine del combustibile a bordo», sottolineando di aver così «anche evitato il disastro ambientale”. Ai Barretta era già stato autorizzato nell’ottobre 2015 il sequestro conservativo di beni mobili e immobili delle società Visemar Trasporti e Visemar di Navigazione, rispettivamente proprietaria e armatore della nave, pari a 12,5 milioni di euro per il salvataggio di persone, nave e per la salvaguardia dell’ambiente. Ora ne rivendicano altri 2 milioni per il salvataggio del carico. Il Tribunale di Brindisi, accogliendo la richiesta della società, ha disposto quindi il sequestro “di 26 automezzi rimasti indenni grazie alle operazioni di salvataggio nonché di merce”, ritenendo “fondato il timore di perdere le garanzie del proprio credito”. La questione, di cui è stata informata anche la Procura di Bari che indaga sulla vicenda, sarà comunque discussa il prossimo 18 aprile per la conferma, modifica o revoca del sequestro.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui