The Boy – Recensione

2268

Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=jGnYUCCoROM[/youtube]

\r\n

Periodicamente il botteghino propone un film come The Boy per dare un brivido ai fine settimana del pubblico generalista e il film di William Brent Bell – nelle sale italiane dal 12 maggio – assolve egregiamente al compito di passatempo senza pretese e riesce persino a regalare qualche momento di tensione.

\r\n

La storia è semplice quanto grottesca: Greta (Lauren Cohan), una giovane americana che atterra nel Regno Unito per sfuggire a un passato burrascoso, finisce a lavorare per una ricca e anziana coppia, gli Heelshire. Il compito della ragazza è prendersi cura del “figlio” della coppia, Brahms, una bambola di porcellana. 

\r\n

Cosa si nasconde dietro questa assurda mansione e come reagirà la ragazza alla convivenza con la bambola?

\r\n

Chi ha dimestichezza con l’horror troverà in The Boy diversi elementi tanto utilizzati da essere diventati, nel tempo, dei cliché del genere: le atmosfere buie, le soggettive impersonali che suggeriscono la presenza occulta di una creatura minacciosa, l’insistenza su dettagli quasi sempre irrilevanti, l’espediente del sogno per costruire una scena – l’unica – in grado di far saltare lo spettatore sulla sedia, seguita dal classico risveglio improvviso della protagonista terrorizzata.

\r\n

I personaggi sono poco credibili nel loro ricalcare sagome viste e riviste, orfani di una reale indagine psicologica: la protagonista, per esempio, di bella presenza, strafottente prima, folle e temeraria poi, passa da un atteggiamento all’altro con una velocità ingiustificata. I personaggi secondari, Malcom (Rupert Evans) e Cole (Ben Robson) sono anche loro piatti e già visti, mero supporto narrativo al protagonismo di Greta. Gli unici che destano un minimo di interesse sono i due Heelshire (Diana Hardcastle e Jim Norton – già visto in Harry Potter e la Camera dei Segreti e in American History X), con la loro aria surreale e colpevole. 

\r\n

Nel complesso, proprio per la riconoscibilità di personaggi, temi e espedienti, The Boy fatica a elevarsi al di sopra della mediocrità. Il ritmo, serrato in un primo momento, si perde a partire dalla seconda metà del film, proprio quando, invece, sarebbe stato necessario avvertirne una crescita. La storia parte già con delle premesse piuttosto banali – la casa isolata nella campagna inglese, la protagonista che non può tornare sui suoi passi – e precipita verso un finale poco coraggioso e originale, che anticipa un sequel di cui non sentiamo il bisogno.

\r\n

Brahms è un “cattivo” scialbo rispetto ai suoi illustri colleghi e predecessori, forse anche per il poco tempo che il regista gli dedica realmente. Anche in questo caso, quello che si intuisce del personaggio non è altro che un pallido collage di tanti elementi della storia dell’horror.

\r\n

Purtroppo nel cinema il manierismo paga fino a un certo punto e mette in campo prodotti funzionanti (nei casi più felici), ma non capolavori: The Boy va guardato senza pretese, ritagliandosi un’ora e mezza di puro svago, oppure è meglio non guardarlo affatto.

\r\n 

The Boy Locandina Italiana
[table sort=”desc”]\r\nTitolo,The Boy\r\nRegia,William Brent Bell\r\nSceneggiatura,Stacey Menear\r\nCast,Lauren Cohan, Rupert Evans, James Russell, Jim Norton, Diana Hardcastle\r\nGenere,Horror\r\nDurata,97 minuti\r\nData di Uscita,12 maggio 2016\r\n[/table]

ULTIME RECENSIONI

Cinema, Sergio Rubini in concorso per la Palma d’oro a Cannes: “Amo i film...

“I film per lo più oggi sono prodotti, prodotti da banco per le piattaforme, per me è una mazzata terribile. Anche per motivi anagrafici...
Industriali

Bari, dopo 7 mesi riapre il cinema Galleria: distanziamento e obbligo mascherine

Dopo sette mesi di chiusura, a causa dell’emergenza sanitaria, giovedì 20 maggio riapre il Multicinema Galleria di Bari, con la consueta programmazione, all’interno delle sue sette sale....

David di Donatello a Checco Zalone per la migliore canzone. Sophia Loren migliore attrice...

Protagonista la Puglia nei David di Donatello. Premio per la migliore canzone originale a Checco Zalone per "Immigrato" nel film "Tolo Tolo". Se lo...

Anche un attore barese nel film di Ridley Scott “House of Gucci”: “Un onore...

Dai primi giorni di marzo in Italia la Scott Free Production, del regista Ridley Scott e Giannina Scott, sta girando il film “House of...

“Si vive una volta sola”: Carlo Verdone presenta il suo ultimo film, girato interamente...

Nove settimane di lavorazione nella calda estate 2019, in cui sono state coinvolte diverse località del Salento (Otranto, Castro, Diso, Santa Cesarea Terme, Melendugno,...

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui