Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

BARI – Il reddito di dignità è ormai realtà in Puglia. Red,  la misura di welfare da circa 70 milioni di euro per le famiglie pugliesi meno abbienti tra un mese sarà attivo. “Si tratta di una operazione titanica, mai fatta in Italia, un mezzo universale di supporto per quanti scendono al di sotto della soglia di povertà, ha detto il presidente della regione Puglia Michele Emiliano che ha firmato i protocolli di intesa con numerose associazioni datoriali, da Coldiretti a Cia, Cna e all’Anci di Puglia e con i sindacati Cgil, Cisl e Uil.\r\n\r\nEntro metà luglio i cittadini, nella condizione di poter usufruire del sostegno, potranno cominciare a presentare, con l’aiuto dei Caf e dei Comuni, le domande per l’accesso. “Lo avevamo detto e – ha aggiunto Emiliano – lo abbiamo fatto: la misura di contrasto alla povertà è pronta ed è la prima in Italia di queste proporzioni. Ci aspettiamo di dover apportare qualche correzione in futuro, ma siamo i primi a partire e questo per noi è motivo di grande orgoglio”.\r\n\r\nIn prima applicazione il ReD prevede fino a un massimo di 600 euro al mese, per una platea stimata in 20mila famiglie, corrispondenti a circa 60mila pugliesi, ogni anno. Nell’arco di 5 anni si stima di poter raggiungere la totalità della popolazione pugliese che oggi si trova sotto la soglia di povertà. La Regione Puglia ha previsto un impegno finanziario iniziale di 70 milioni (5 dal bilancio autonomo ed i restanti tra Fondo sociale europeo e diversi Fondi statali).


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui