Sono iniziate le prime 74 procedure di licenziamento per lavoratori del teatro Petruzzelli. La Fondazione ha comunicato l’avvio dell’iter ai sindacati. I licenziamenti giungono in un quadro di riordino della pianta organica e allo stato non possono rimanere alle dipendenze dell’ente tutti i dipendenti (anche assunti con ricorso).\r\n\r\nGli esuberi sarebbero 85, rispetto agli iniziali 181 ricorrenti. La governance del teatro punta ad avere una rosa di dipendenti di 132 unità.\r\n\r\nGigia Bucci segretario Cgil: “Chiediamo un piano industriale e la difesa dell’occupazione”\r\n\r\n”ll sovrintendente Massimo Biscardi, in un incontro con le rappresentanze sindacali, ieri ci  ha anticipato 74 usuberi con i licenziamenti collettivi. Il tutto senza una analisi preventiva. Cgil Cisl Uil e Fials, all’unisono, hanno respinto la procedura di mobilità”: questa la posizione di Gigia Bucci, segretario confederale Cgil Bari.\r\n\r\nPer evitare i licenziamenti la Cgil avanza una serie di richieste alla Fondazione e alle istituzioni locali: “Chiediamo di conoscere il piano industriale del Petruzzelli – attacca la Bucci – l’analisi dello stato di crisi e che si ragioni su dati economici di sofferenza e su come si è arriviti a dichiarare 74 useberi. Sollecitiamo la task force regionale a convocare una riunione per discutere questa vertenza e vogliamo conoscere gli orientamenti del sindaco di Bari, del governatore e del Ministero su un eventuale progetto salva-Fondazione”. “Si possono sperimentare forme alternative della gestione della sofferenza economica che eviterebbero i licenziamenti collettivo”, conclude la Bucci.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
sfiziesapori.it

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here