lapugliativaccina.regione.puglia.it

Eiar Radiovisione
Eiar Radiovisione
\r\n

Alla caduta del regime fascista il governo provvisorio operava per eliminare nomi e simboli che ricordassero il regime. Così il 26 ottobre 1944 un decreto legislativo eliminava la vecchia denominazione EIAR (Ente italiano audizioni radiofoniche) che divenne Radio Audizioni italiane S.P.A. e al mutamento del nome corrispondeva anche un cambiamento nella scelta dei contenuti e del linguaggio utilizzato. Nel 1952 cominciarono i primi tentativi di trasmissione televisiva, l’azienda divenne pubblica e dal 1953, per finanziare le trasmissioni pubbliche, venne istituito il canone di abbonamento.

\r\n\r\n\r\n

Ffbeeaabcae
Roma città aperta – Rossellini
\r\n

Il 3 ottobre dello stesso anno fu operato il primo tentativo di trasmissione delle immagini dalla sede Rai di Milano a quella di Roma attraverso il trasmettitore di Monte Mario e il 28 ottobre 1953, infine, viene inaugurata la sede Rai di Roma, e il primo programma televisivo che entrò nelle case dei pochi italiani che già avevano un apparecchio televisivo fu il film di Rossellini “Roma città aperta”. Di qui le trasmissioni e l’offerta televisiva divennero sempre maggiori: programmi, film, quiz, le signorine buonasera e nel 1954 l’azienda cambiò il suo nome in RAI, Radio Televisione Italiana.

\r\n\r\n\r\n

Gennaio La Stampa
Gennaio La Stampa
\r\n\r\nRAI – Fulvia Colombo – Primo annuncio TV – “La Rai − Radiotelevisione Italiana inizia oggi il suo regolare servizio di trasmissioni televisive.” 3 gennaio 1954, data di inizio delle trasmissioni regolari.\r\n\r\n \r\n\r\n


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui