Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Nuova puntata della rubrica di Vito Raimondo, “Ma sì, diciamola tutta…”\r\n\r\nAlla stupenda lezione di Maurizio Viroli non c’era una donna eccezionale: Marilena Bonomo\r\n\r\nHo partecipato, domenica scorsa, al Petruzzelli, alla conversazione del prof. Maurizio Viroli nell’ambito della rassegna “Lezioni di Storia”.\r\n\r\nTeatro gremito, giornata di alto valore culturale. Pochi minuti prima, ero passato davanti al Teatro Margherita la cui piazza sita davanti è stata intitolata (bravo Comune!) a Marilena Bonomo, la grande gallerista che portò a Bari tanti prestigiosi artisti.\r\n\r\nHo pensato che lei non c’era domenica in quella sala ad ascoltare Viroli, grande amico di suo fratello, Martino. Se fosse stata viva, l’avrei vista ai primi posti, attenta come pochi.\r\n\r\nQuello striscione allo stadio che può portare alla conclusione di un antagonismo stupido\r\n\r\n“Al difensore di un ideale il rispetto dal rivale. Tieni duro avv. Pino Milli”. Quando ho visto la scorsa settimana, lo striscione con quelle parole sulla curva nord del San Nicola, m’è venuto un sospetto: una persona che soffre.\r\n\r\nPoi, ho saputo che l’avv. Milli è salentino e difende i tifosi del Lecce, parte civile nel processo  sul famigerato derby truccato in corso a Bari.\r\n\r\nFantastico. Una bella cosa da parte di una curva spesso birichina (soprattutto fuori casa!). Faccio un appello: tifosi baresi e leccesi, le organizziamo due belle partite (andata e ritorno) tra le nostre squadre? E l’avv. Mille batte il calcio d’inizio?  Ci pensate? Sarebbe un grande atto di civiltà e la fine di un astio cretino.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui