Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Solo ventisei anni, ma con un curriculum criminale di rilievo nel mondo della prostituzione delle africane e della tratta delle donne dalla Nigeria: la Polizia ha arrestato ad Acquaviva delle Fonti, su impulso della locale Direzione Distrettuale Antimafia, il nigeriano Agbons Moses (detto Destiny), ritenuto responsabile di favoreggiamento all’immigrazione clandestina, riduzione in schiavitù, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.\r\n\r\nL’indagine partita da Genova\r\n\r\nL’inchiesta è partita un anno fa da Genova e presenta la novità di una denuncia di un nigeriano che ha rotto la ferrea omertà della comunità: l’uomo ha riferito che sua moglie, all’epoca minorenne, era arrivata in Italia dietro pagamento di 23mila euro ad Agbons, che contro la sua volontà era stata trasportata a Bari per prostituirsi e pagare il debito contratto per arrivare nel Belpaese.\r\n\r\nLa giovane segregata a San Girolamo e costretta a battere nel Tarantino\r\n\r\nAgbons, con fare spietato, aveva minacciato marito e moglie di ritorsioni ai danni della loro bambina se non avesse ricevuto il denaro pattuito per garantire la tratta Nigeria-Italia. La giovane nigeriana, una volta giunta nel capoluogo pugliese, era stata prima segregata in un appartamento di San Girolamo e poi costretta con violenza a prostituirsi sulle strade del Tarantino, dove arrivava con i mezzi pubblici della Sud-Est.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui