Cabtutela.it
acipocket.it

Una nota di Domenico Damascelli, consigliere regionale di Forza Italia, sul primo bilancio politico-amministrativo della giunta Emiliano\r\n\r\n”Emiliano ha sbandierato dati e percentuali, dall’occupazione al turismo, attaccandosi medaglie non dovute perché sono piccoli passi in avanti che la Puglia ha fatto solo e soltanto grazie allo spirito imprenditoriale dei cittadini e all’iniziativa privata, e non costituiscono certamente la conseguenza di atti del governo regionale. Dai ritardi della Giunta sul Piano Sviluppo Rurale, che potrebbero causare la perdita di oltre 100 milioni di euro, al dramma ormai cronico della Xylella, catastrofe incontrastata che ad oggi non ha visto un solo provvedimento serio della Regione per il suo contenimento.\r\n\r\nSenza dimenticare la crisi dei rifiuti, anche questa affrontata da Emiliano con l’ennesima agenzia unica che riorganizza la governance (ergo, le poltrone) e non risolve l’emergenza.\r\n\r\nIl vizio degli slogan non ha risparmiato nemmeno la sanità: ricordiamo i mirabolanti annunci di centinaia di milioni di euro (circa 400) per la sanità territoriale. Peccato che nessuno se ne sia accorto e che le Case della Salute, benché programmate, non siano state ancora attivate. I presidi territoriali di assistenza e i poliambulatori sono ancora strutturalmente da riqualificare e da potenziare in termini di risorse umane e attrezzature.\r\n\r\nTutto ciò spogliando di fatto territori vasti e popolosi di qualsiasi servizio sanitario, specie relativo all’emergenza-urgenza, e trascurando persino la medicina territoriale che può rappresentare il futuro della sanità. Per questo, un lavoro credibile e serio avrebbe spinto Emiliano a citare, uno ad uno, i provvedimenti, in realtà inesistenti, che hanno fatto scattare gli indici in positivo.\r\n\r\nNon a caso, uno dei pochissimi atti che il presidente della Giunta ha potuto ricordare è stato il Reddito di Dignità: peccato, però, che ai cittadini abbia dimenticato di chiarire che, essendo finanziato con fondi comunitari, le risorse sarebbero finite ugualmente sul territorio, seppur in forme diverse”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui