Cabtutela.it
acipocket.it

“Non parlerò in termini tecnico-scientifici, perché potrei essere smentito da qualcuno che ha più competenze di me, vorrei semplicemente fare una sortita giuridica che in maniera efficace spieghi la questione.\r\nLa ricezione del trattato di Marrakesch (sull’accessibilità) ci è stata ma in concreto la nostra società è più chiusa di una prigione.\r\nTutto ciò che si fa in termini di accessibilità è un mero e goffo adempimento della legge.\r\nTroppe rampe sono ancora occupate, troppi marciapiedi sono senza rampe, troppi edifici non permettono l’accesso ai disabili, troppi bagni per disabili sono ripostigli, troppe aziende considerano il disabile un peso e non un’opportunità o meglio reale forza lavoro.\r\nE allora?\r\nBisognerebbe istituire diversi comitati di monitoraggio composti dai tecnici e dalle associazioni che valutino nei diversi campi (mobilità, edilizia, lavoro ecc.) i criteri di adempimento della normativa.\r\nContinuiamo a combattere, a strillare e a farci conoscere, affinché non ci guardino più come alieni”.\r\n\r\nAntonio Garofalo, presidente dell’APS LeZZanZare e coordinatore del comitato giovani delll’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti Puglia


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui