Basta con il ruolo “super partes”‘, Pasquale Di Rella, eletto nel Pd e per due mandati presidente del Consiglio comunale, ha deciso di dimettersi da quest’ultimo incarico, rinunciando anche alla relativa indennità, “per servire meglio i cittadini”. “I Consigli degli ultimi mesi sicuramente non hanno fatto nulla per servire i cittadini – spiega – per me è inconcepibile”. Di Rella vuole finalmente poter dire la sua in Consiglio, cosa impossibile dalla poltrona di presidente. Già negli ultimi tempi ha manifestato il suo essere una voce fuori dal coro, dalla rinuncia del 5 per cento dello stipendio (esempio non seguito da nessuno) al suo No al referendum, fino alle sollecitazioni alla giunta in merito ai ritardi nelle presentazioni in aula di delibere importanti come quella sulla concessione pluriennale dello stadio San Nicola. Senza dimenticare la sua richiesta di chiarimenti per il conflitto di interessi di Gianfranco Grandaliano nel suo ruolo di presidente dell’Amiu e commissario regionale per la gestione dei rifiuti.\r\n\r\n 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here