Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Il nuovo film di Xavier Dolan (Mommy, J’ai tué ma mère), è un’esperienza mistica e dolorosa. È solo la fine del mondo, è un dramma familiare ambientato in una tranquilla cittadina francofona ma quasi tutto racchiuso nelle quattro mura soffocanti dell’abitazione della famiglia di Louis.

\r\n

Louis (Louis Gaspard Ulliel) è un drammaturgo di successo che torna a casa dopo un’assenza di 12 anni. Ad attenderlo ci sono suo fratello maggiore Antoine (Vincent Cassel) con la moglie Catherine (Marion Cotillard), sua sorella minore Suzanne (Léa Seydoux) e sua madre Martine (Nathalie Baye). Se dapprima l’attegiamento dei suoi parenti si muove tra l’imbarazzato e l’allegro, subito dopo la gioia della sorpresa si trasforma in risentimento rancoroso per l’abbandono che tutti hanno subito da parte dell’amato fratello e figlio.

\r\n\r\n

Gli strascischi emotivi della lunga assenza del ragazzo montano in un climax di reazioni parentali: Suzanne che non ha mai davvero conosciuto suo fratello è disperata e ansiosa di recuperare il tempo perduto, Antoine è arrabbiato e geloso per l’attenzione dedicata a Louis e probabilmente per il successo del fratello minore, sua madre Martine è complice ed arresa alla sua prossima dipartita, Catherine, moglie di Antoine, è invece l’unica che riesce a vedere Louis con chiarezza e a leggere le vere motivazioni del suo improvviso ritorno a casa.

\r\n

Il ritorno di Louis rappresenta, infatti, l’addio finale ai suoi cari. Il ragazzo, in fin di vita per una malattia che non ci è dato sapere, è tornato per saldare l’ultimo debito con una famiglia che sembra aver rigettato in favore dei fasti della grande città e per uno stile di vita molto lontano dal loro.

\r\n

Il complesso del figliol prodigo viene analizzato profondamenete dalla camera di Dolan che imposta la sua regia su dei primi piani opprimenti che mostrano in egual misura lunghi silenzi e grida isteriche. La visuale che ci offre il regista indaga la parte introspettiva di Louis e gli eccessi emotivi della sua famiglia in un confronto stridente. Tutto sommato, le performance individuali e corali dei bravissimi attori restituiscono un ritratto struggente di una realtà familiare.

\r\n

La pellicola, per quanto rimaneggiata pesantemente nella scrittura e nelle sue inquadrature, è ispirata alla piece teatrale di Jean-Luc Lagarce. L’opera originale, ancora più verbosa e realista, costituisce una solida base per un emozionante racconto di vita quotidiana dal taglio intimo e teatrale.

\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui