Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Con l’inizio dell’anno, sono entrate in vigore le nuove regole in merito ai seggiolini per il trasporto dei bambini in auto. Queste nuove regole sono state stabilite, come integrazione dell’articolo 172 del codice della strada, al fine di prevenire i rischi per i più piccoli in caso di incidente stradale.

\r\n

Quanto stabilito dalle direttive comunitarie, specifica quanto segue: …I bambini di statura inferiore a 150 cm devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti… Nello specifico, quindi, non sarà più possibile utilizzare sempre lo stesso seggiolino utilizzato in passato e non dotato degli standard richiesti, poiché da Gennaio 2017 le normative ECE R44-04 e ECE R129-02 per quanto concerne i parametri di valutazione in base al peso e all’altezza del bambino, sono cambiate.

\r\n

Vediamo nello specifico i cambiamenti apportati e i relativi tempi per l’entrata in vigore:

\r\n

Direttiva ECE R44-04 > In vigore da Gennaio 2017 – stabilisce che i bambini al di sotto dei 125 cm di altezza devono viaggiare utilizzando un rialzo con schienale al fine di consentire alla cintura di sicurezza di posizionarsi correttamente sul torace e sulle spalle. I rialzi senza schienale, diversamente, saranno consentiti solo per i bambini più alti di 125 centimetri

\r\n

Direttiva ECE R129-02 > In vigore dall’Estate 2017 – la vendita di seggiolini auto senza schienale non sarà più ammessa e inoltre, verrà rimosso l’obbligo della dotazione del sistema ISOFIX utile per i bambini con un’altezza variabile tra i 100 e i 150 cm.

\r\n

Arrivando alle sanzioni, sarà sottoposto a sanzione chiunque non rispetterà le prescrizioni di dotazione dei suddetti seggiolini per auto. In particolare chi non utilizzerà le cinture di sicurezza e i previsti sistemi di ritenuta, sarà soggetto ad una multa tra gli 80 e i 323 euro. Se il conducente del veicolo nell’arco di due anni verrà sanzionato per almeno due volte per le violazioni degli obblighi di cui sopra, l’ultima sanzione a cui sarà sottoposto, prevedrà anche la sospensione della patente da 15 a 60 giorni. E’ stabilito, infine che anche in caso di utilizzo non corretto o il cui funzionamento sia stato alterato o ostacolato, potrà essere sanzionato con una multa da 40 a 162 euro.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui