Cabtutela.it
acipocket.it
amgasbari

Anche quest’anno l’assessorato alle Culture e la commissione Culture del Comune di Bari, con la collaborazione delle associazioni riunite nel progetto oMaggio a Bari, ideato e coordinato da Vito Signorile, celebrano la Giornata nazionale del dialetto.\r\nL’iniziativa si terrà domani, martedì 17 gennaio, a partire dalle 10, a Palazzo di Città, alla presenza delle assessore Carla Palone e Paola Romano e del presidente della commissione Culture Giuseppe Cascella.\r\n\r\nOperatori e associazioni parleranno di costumi, tradizioni e lingua barese, con performance di Davide Ceddìa, Rocco Capri Chiumarulo, Antonella Genga, Maria Giaquinto, Dante Marmone, Nicola Pignataro, Nico Salatino, Tiziana Schiavarelli, Vito Signorile.\r\nCoordinata da Rosa Grazioso, consigliera incaricata del sindaco per le politiche di supporto alle attività culturali nelle scuole dell’obbligo, è prevista la partecipazione degli alunni degli istituti scolastici Perone Levi e Duse di San Girolamo.\r\nSempre domani, a partire dalle ore 18, alla presenza dell’assessore alle Culture Silvio Maselli, nel Museo Civico, in Strada Sagges 13, il programma dell’evento prevede letture e performance di poeti contemporanei, attori e musicisti.\r\nL’anno scorso venne riservata particolare menzione, in apertura della manifestazione, a Francesco Saverio Abbrescia, al quale si fanno risalire le prime ipotesi di scrittura in dialetto. Quest’anno il privilegio è riservato a Gaetano Savelli autore, tra l’altro, della traduzione nel nostro dialetto della Divina Commedia di Dante.\r\nLa partecipazione alla festa della baresità è gratuita.\r\n\r\nDi seguito le associazioni coinvolte:\r\nAbeliano, Accademia Nicolaiana, Acli Dalfino, Arta, Artelier 195, Arterrae, Badathea, Movimento Internazionale “Donne e Poesia”, Figuranti di San Nicola, Kokopelli, L’allegra compagnia, Mare Barese, Circolo Comunicazioni Sociali Vito Maurogiovanni, Mondo Antico e tempi moderni, Musae, Orizzonti, Italo Ellenica “Pitagora”, Porta d’Oriente, Pugliarte, Quelli del Teatro, Radicanto, Radio Popizz, Said, Terrae, Time for smile, Al Noir, Polyphonè.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. “La lingua barese viva e vegeta e non ha bisogno di essere salvata dal redentore di turno, ma solo, come fa una mamma, accudita e preservata, teneramente amata, con venerazione rispettata, con serietà e studio approfondita mai abusata nella sua dignità, riconoscendo in essa la nostra stessa storia, la nostra cultura, le nostre tradizioni, la nostra arte. Allarghiamo il nostro sguardo oltre i nostri parziali orizzonti e, senza pregiudizi e profitto, senza retorica di parte, procediamo con lealtà e chiarezza, con stile dialogico a costruire insieme agli altri la nostra stessa identità ed a far conoscere la ricchezza delle nostre radici “. ( prof. Nicola Cutino Presidente Associazione Onlus Mondo Antico e Tempi Moderni e del Seminario di Studio e di Approfondimento sul Dialetto Barese) \r\n\r\nRiveviamo molte testimonianze da parte di coloro che condividono a pieno l’ esperienza che il Seminario Permanente di Studio e di Approfondimento sul Dialetto Barese realizza da più di sette anni in maniera continua e costante per elaborare nei gruppi di studio qualificato, regole grammaticali condivise ed uniformi di scrittura, mediante argomentazioni semantiche, utili al lettore per comprendere quello che si scrive in vernacolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui