E’ di questi giorni la sentenza della Cassazione che vede protagonista un insegnante di una scuola meridionale accusato del reato di abuso dei mezzi di correzione e disciplina. Gli “Ermellini” hanno confermato con la sentenza n. 3801/2017 quanto già stabilito dai giudici di merito precedentemente. In tali circostanze a nulla sono valse le dichiarazioni da parte dell’insegnante in merito all’inadeguatezza del contesto scolastico nonché delle ostilità e delle incomprensioni tra corpo docente e studenti. Respinto il ricorso -dichiarato inammissibile- al docente rimane quindi confermata la condanna inflitta dai giudici della Corte d’Appello di mesi uno di reclusione.

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here