Spesso incontriamo proprietari di cani che si lamentano del comportamento del loro amico a quattro zampe, dandogli colpe per atteggiamenti non graditi etichettandolo spesso come dispettoso, un cane che non risponde ai comandi, che non capisce…In verità il più delle volte siamo noi a non essere adatti a quella tipologia di cane, o spesso proprio a possederne uno. Ebbene si, perché la scelta di un cane è strettamente legata al nostro carattere e al nostro stile di vita e non deve essere basata esclusivamente su fattori quali l’estetica o la moda del momento.

Pensiamo, ad esempio, alla meticolosa attenzione che ognuno pone nella scelta di un’automobile (senza voler fare paragoni oggetto-animale, ma per far comprendere quanta attenzione rivolgiamo alla scelta di un mezzo che utilizziamo per un preciso scopo). La scelta di un’auto è strettamente legata a fattori quali il numero di persone presenti in famiglia, l’uso che se ne dovrà fare -se per lunghi viaggi o se per usarla in città-, se dovremo usarla per lavoro e quindi per trasportare anche dei carichi, se siamo capaci di utilizzare un’auto dalle prestazioni più potenti o se è meglio scegliere una minore cilindrata.

Allo stesso modo sarà necessario porsi le medesime domande quando scegliamo un amico che, oltretutto, ci accompagnerà per almeno 13-18 anni poiché dobbiamo essere coscienti che non stiamo acquistando una consolle o un giocattolo, ma un essere vivente, con le sue esigenze e le sue emozioni, che sarà presente anche quando decideremo di andare in vacanza, o quando in famiglia arriveranno dei bambini e che, come tutti, potrà talvolta star male. Un cane, inoltre, non può essere considerato un regalo “a scatola chiusa” soprattutto se vorremmo donarlo a una persona anziana. Senza dubbio il cane sarà un’ottima compagnia ma va considerata la lunga vita di un animale, pertanto dovremmo porci il problema di chi lo curerà “dopo”. Inoltre ogni cane ha delle caratteristiche proprie della razza quindi regalare ad un anziano un cane particolarmente attivo e con esigenze di correre o cacciare, non sarà la scelta ideale.

Ogni tipologia di cane nasce con uno scopo ben preciso legato agli istinti di oguno, caratteristiche distinguibili in macro aree ben descritte dall’E.N.C.I. (Ente Nazionale Cinofilia Italiana) e che, in modo più semplice, descriveremo nei prossimi articoli suddividendoli in cani da compagnia, cani da caccia, cani da slitta, cani da guardia, cani da difesa e così via.

Se presteremo attenzione a questi fattori prima di scegliere un amico a quattro zampe, senza lasciarci condizionare esclusivamente dagli occhi azzurri di un Husky, o dal cane visto nel film “Hachikō”, non rischieremo di avere con noi un amico frustrato!

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here