Una partita in salita, ma che alla fine ha premiato la coppia di tennisti data favorita fin dall’inizio del torneo. Sono Giovanni Dell’Edera e Vito Marinelli i vincitori del “Trofeo Franco Costantino”, torneo di doppio organizzato dal Circolo tennis di Bari a partire dallo scorso venerdì, 3 febbraio.

La finale

Prima di riuscire a portarsi a casa il primo premio da 700 euro, i due tennisti hanno dovuto battere in finale alle 17 di ieri, domenica 5 febbraio, la coppia formata da Mario Carnevale e Carlo Russo Frattasi. Un match che di certo non è stato una passeggiata. Carnevale e Russo Frattasi si sono infatti imposti nel primo set, costringendo nel secondo Marinelli e Dell’Edera a dare il meglio per recuperare lo svantaggio. Quando i due hanno però ritrovato la sintonia, non c’è stata più storia: il secondo set e il terzo li hanno conclusi 6 game a 0, imponendosi con un gioco preciso ed efficace, che non ha lasciato scampo ai due atleti scafati.

La premiazione 

Al termine della partita si è tenuta la cerimonia di premiazione della competizione. A consegnare il premio e il trofeo è stato il presidente del Circolo tennis Onofrio Sisto, davanti ad una platea composta dagli altri 62 partecipanti al torneo, i soci della struttura e gli appassionati dello sport, oltre ai parenti di Franco Costantino. Sono stati loro, insieme al presidente Sisto, a ricordare la figura del compianto dirigente della sezione femminile della Federazione nazionale tennis, alla cui memoria è stato dedicato questo torneo.

Il premio in denaro – 1500 euro il totale messo a disposizione dal Circolo tennis – è andato anche alla coppia piazzatasi al secondo gradino del podio e ai semifinalisti. “Siamo onorati – ha spiegato il direttore sportivo del Circolo Vittorio Guaccero – di avere ospitato in questa competizione i migliori giocatori della Puglia. I pronostici fatti all’inizio sono stati rispettati, ora ci prepariamo ad organizzare nuove iniziative nel corso del 2017”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here