Un vento di cambiamento spira nella città dei fiori. Nella quarta serata di Festival – su verdetto di giuria e di popolo – quattro “big” hanno lasciato la gara. Insieme al re della canzone napoletana – e star indiscussa del Capodanno 2016 barese – Gigi D’Alessio e a Giusy Ferreri, tornano a casa anche Al Bano e Ron, illustri rappresentanti del talento musicale pugliese. “Ma non suonate le campane a morto – dichiara la voce di Cellino San Marco, Albano Carrisi ai microfoni di CorriereTv – è presto ancora”.

“Mi hanno fatto fuori – continua il cantante – ma d’altra parte lo chiamano ‘il Festival della canzone italiana’, evidentemente non è piaciuta la canzone, ci sarà un futuro, forse con una canzone che piacerà a tutti”.

Finisce l’avventura sanremese anche per il giovane Leonardo Lamacchia, salito sul palco dell’Ariston con “Ciò che resta”. Nella competizione per la categoria “Nuove proposte”, il barese è stato superato dal campano Lele, legato sentimentalmente alla collega Elodie che commenta: “Sapevo avrebbe vinto”.

La cantante romana, ma pugliese di adozione è ancora in gara per questa 67esima edizione del festival e si è distinta sul palco grazie al suo brano “È tutta colpa mia” e alla cover di “Quando finisce un amore” di Riccardo Cocciante. Insieme a lei, unito dall’amore per la Puglia e per la partecipazione al talent show “Amici”, il soulman Sergio Sylvestre che resiste alle eliminazioni grazie alla sua voce, la sua personalità e alla canzone “Con te” scritta – tra gli altri – da Giorgia.

Infine, Ermal Meta. Il cantante e autore albanese ma residente – fin dall’infanzia – a Bari ha portato al festival la sua “Vietato morire” che, grazie alla tematica sociale, ha convinto sin dal primo momento la critica. Un inno alla dignità di genere, rivolto a una donna vittima di violenza che ha conquistato anche il pubblico. Il cantante, inoltre, ha già messo in tasca una prima vittoria, grazie alla cover di “Amara terra mia” di Domenico Modugno che gli ha garantito il premio della terza serata di festival.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
sfiziesapori.it

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here