Ciccio e Tore, due fratellini di Gravina in Puglia di soli 13 e 11 anni che nel giugno del 2006 scomparvero. I sospetti ricaddero fin da subito sul padre, Filippo Pappalardi, che fu arrestato con l’accusa di averli uccisi e di averne occultato i corpi. Due anni dopo, nel 2008, il caso volle che un bambino cadde in un conosciuto pozzo della zona, quello della “casa delle cento stanze”. I vigili del fuoco che scesero per salvare il bambino si accorsero tuttavia della presenza di ossa che, a seguito di accertamenti, risultarono essere quelle di Francesco e Salvatore Pappalardi. Qualche mese dopo il ritrovamento, a seguito dell’autopsia sui due resti, caddero tutte le accuse mosse al padre stabilendo una caduta accidentale.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here