Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Stadio San Nicola: scambisti, sesso a pagamento e… bambini rom che si prostituiscono. Lo hanno raccontato “Le Iene” ieri sera su Canale 5. Bari sotto i riflettori per una storia squallida. Le vittime sono bambini dai 5 anni in su che raccontano la loro vita per “strada” come fosse cosa normale. E la cosa fa inorridire tutti. Stamattina è lo stesso sindaco Antonio Decaro a rispondere su facebook ai tanti utenti che hanno commentato il servizio sulla sua bacheca.

“La situazione denunciata dal servizio delle Iene è una vergogna. È una vergogna che ci siano orchi balordi che cercano le prestazioni di questi bambini. Al momento c’è un’indagine in corso avviata qualche mese fa e che ha portato ai primi arresti da parte delle forze dell’ordine. Da oltre un mese la Polizia municipale con i servizi sociali ha allontanato i primi bambini dalla strada e dalle famiglie che probabilmente li sfruttavano. Altri due bambini sono stati accompagnati in comunità grazie alla segnalazione delle Iene che ho personalmente girato alle forze dell’ordine il giorno stesso in cui hanno registrato il servizio. Stiamo cercando di prenderci cura dei bambini, facendo il possibile per allontanarli da tutta questa crudeltà. Sono sicuro che le forze dell’ordine faranno presto chiarezza e spero che queste persone orribili, sfruttatori e clienti, possano marcire in galera per il resto della loro vita”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

2 COMMENTI

  1. vergogna
    Sfruttare i bambini
    Queste bestie che chiedono ai bambini certe prestazioni
    Mi vergogno di essere du questa terra

  2. Ma bastaaaa ma come se non si sapevano queste cose. Ora che è stato conclamato tutti a indignarsi e a fare finta di voler porre rimedio. Tolti da li andranno in qualche altro posto. È la domanda che va eliminata!!!
    Schifo… Razza peggiore l’uomo meritiamo di estinguerci

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui