Mentre in Sicilia il capo di Cosa Nostra, Gaetano Badalamenti, ordina l’uccisione di Peppino Impastato, a Roma veniva trovato, nel bagagliaio di un’auto, il corpo di Aldo Moro. Due morti che rispecchiavano uno spaccato dell’Italia in uno dei periodi più bui e piegata al volere non solo della mafia, ma anche delle Brigate Rosse. Una prigionia durata 55 giorni, quella dello statista italiano e presidente democristiano, un rapimento avvenuto il 16 marzo in via Fani e che vide la morte anche degli agenti della scorta. Il corpo di Aldo Moro, posto nel bagagliaio di una Renault rossa, fu ritrovato coperto e crivellato di colpi d’arma da fuoco.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here