Il diritto ad una infanzia felice, il diritto al rispetto. Quella del 1° giugno è una giornata in cui non solo si festeggiano i bambini di tutto il mondo, ma è anche un momento per riflettere sulle condizioni in cui versano molti minori. Situazioni di sofferenza, di maltrattamenti, di sfruttamento, di mancanza di beni primari, cibo, acqua, istruzione. Una condizione che non riguarda solo i Paesi meno sviluppati, e la cronaca degli ultimi giorni lo conferma ancora una volta: i bambini vittime di violenza sono numerosi e spesso i carnefici sono proprio le persone che dovrebbero prendersene cura – insegnanti, padri, madri, amici, parenti- . La festa Internazionale del bambino dal 1925 ricorre ogni anno per ricordare che l’impegno di ognuno, non solo in questa giornata, dovrebbe essere rivolto alla salvaguardia  psicofisica degli uomini e delle donne di domani.

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here