Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Tutto pronto per l’Étranger Film Festival 2017, il festival di Gioia del Colle dedicato al cinema della diversità. Dal 7 all’11 giugno l’evento pugliese proporrà per cinque giorni un cartellone fitto di proiezioni di 35 autori provenienti da tutto il mondo e dieci eventi speciali.

Tra gli appuntamenti più attesi dell’anno, l’incontro con Edoardo De Angelis, regista del film “Indivisibili”, premiato con 6 statuette ai David di Donatello e 17 nomination: “L’omaggio a De Angelis – sottolinea il critico cinematografico e e direttore della sezione “Onde” del Torino Film Festival Massimo Causo – è motivo d’orgoglio per il festival, ancor di più dopo le statuette conquistate alla 61ma edizione dei David di Donatello, dove è stato l’autentico campione del cinema italiano più indipendente. Col suo sguardo visionario ha scandagliato la società partendo dal margine, con una vivida attenzione per quelle figure che cercano una via d’uscita dai luoghi comuni del destino. Sarà interessante raccontare assieme a lui il suo cinema”.

La diversità è l’oggetto di indagine dell’osservatorio sulla cinematografia contemporanea lanciato dall’associazione “Étranger” di Gioia del Colle che, dopo il successo del 2014 (oltre 650 presenze nelle 3 giornate di proiezione e oltre 1000 ingressi registrati alla mostra d’arte contemporanea collaterale EtrA), presenta la seconda edizione del festival. Le opere di registi emergenti e video artisti internazionali che sapranno mettere a fuoco il tema della diversità declinata come differenza etnica, sociale, religiosa, politica, di genere, concorreranno per la vincita di due importanti premi in denaro.
Le novità dell’edizione 2017 sono tante, a partire dal sodalizio con I “Presidi del libro” per imbastire insieme ad autori e lettori il dibattito sulla complessità del presente e sulla Puglia come frontiera e territorio di migrazione. Inoltre sarà istituita una giuria dei ragazzi, per coinvolgere attivamente gli studenti delle scuole superiori nel progetto del festival.

L’evento di apertura si terrà il 7 giugno, alle 18.30, nella sala Javarone di Palazzo San Domenico, Gioia del Colle e sarà dedicato al torinese Roberto Pedron, fotoreporter che continua a testimoniare gli orrori della guerra in Siria e in Medio Oriente. Pedron dopo anni passati a realizzare reportage per International Web Post presenterà “Ti racconto una storia”, una raccolta di quaranta istantanee sulla guerra vista con gli occhi dei bambini. La mostra rilancerà la riflessione sull’emarginazione e la disperazione dei sopravvissuti di guerra.
Il festival sarà costellato di proiezioni, incontri con registi, autori, mostre, oltre al concorso che richiederà la partecipazione attiva del pubblico al cui giudizio insindacabile sarà affidata la consegna del Premio “Le Barisienne” dedicato a Ricciotto Canudo. Alla giuria tecnica composta dai registi Edoardo Winspeare, Marco Santarelli e Angelo Amoruso D’Aragona sarà affidata l’assegnazione del premio “Étranger”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui