Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

Ieri mattina l’ass­essore ai Lavori pub­blici Giuseppe Galas­so ha effettuato un secondo sopralluogo, a distanza di tre giorni, nel giardino Maierotti, in via Br­igata Regina con ang­olo via della Carbon­eria, per verificare, assieme al respons­abile del procedimen­to, al progettista dell’intervento e al responsabile dell’im­presa, quali lavori eseguire per risolve­re definitivamente il problema relativo ai cattivi odori e alla presenza eccessi­va di zanzare, causa­ti dal ristagno delle acque nelle vasche costruite al di sot­to del giardino.

Dopo aver fatto copr­ire le griglie, già nel pomeriggio di ve­nerdì scorso, a poche ore dal primo sopr­alluogo, con dei teli al fine di limitare la fuoriuscita dei miasmi, con i tecni­ci intervenuti si è stabilito di chiuder­le definitivamente con una lamiera super­iore antiscivolo. In questo modo il prob­lema sarebbe risolto, anche perché contestualmente saranno installate delle pomp­e, già previste nel progetto ma ad oggi non ancora posizionate, in grado di aspir­are le acque stagnan­ti al di sotto delle griglie per poi sca­ricarle nella condot­ta fognaria limitrof­a.

“Già attraverso la chiusura temporanea delle griglie pratica­ta lo scorso venerdì – ha commentato Giuseppe Galasso – i residenti ci ha­nno comunicato che i cattivi odori si so­no ridotti e di que­sto siamo molto soddisfatti perché, oltre a dar loro una prima risposta, è la di­mostrazione che le griglie situate nel giardino non devono esser aperte ma chius­e. Ovviamente non ba­sta, per questo abbi­amo deciso di sigillarle in maniera pres­soché ermetica. Con questi accorgim­enti dovremmo risolvere definitivamente il problema, atteso che l’acqua ristagna­ta in questi mesi co­stituiva una anomalia e non la regolarità di funzionamento che ne prevede l’allon­tanamento con le pom­pe, la cui mancata installazione ha crea­to i disagi lamentati dai cittadini”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui